SPORTING HORNETS – Mr.ALESSIO MEDICI è carico per il debutto e sprona i suoi : “Soddisfatto fin qua, ma possiamo e dobbiamo dare ancora di più. Sabato vedrete una squadra lottare su ogni pallone”

Poco più di 48 ore dividono la squadra dal suo primo storico giorno in serie B. L’Hornets ospiterà lo United Pomezia e Mister Medici carica i suoi ragazzi in vista di una gara difficile sia dal punto di vista tecnico che emotivo. Dopo quasi 2 mesi di lavoro i ragazzi hanno gran voglia di esprimersi sul campo e far valere il lavoro fin qua svolto. Soddisfatto si, ma sicuro che si possa dare ancora di più, ecco le parole di mister Alessio Medici…..

Buongiorno Mister, vigilia della prima gara ufficiale della stagione. La squadra ha lavorato per un mese e mezzo circa svolgendo delle amichevoli positivo dal punto di vista dei risultati con squadre di categoria anche superiori alla vostra….Come ha risposto la squadra alle sue richieste tecnico tattiche e Se é soddisfatto del lavoro svolto fin qua dai suoi ragazzi?

MR.MEDICI: “Innanzitutto sono molto soddisfatto di come hanno risposto alle mie richieste,a partire dal fatto che siamo stati la prima squadra ad iniziare la preparazione. Per quanto riguarda i risultati delle amichevoli sopratutto con squadre di categorie superiori,sono felice per le risposte date sul campo,senza stare troppo a guardare i risultati,perché le amichevoli sono pur sempre amichevoli e quindi va benissimo vincere ma lasciano il tempo che trovano. Quindi molto soddisfatto ma so che possiamo fare molto di più siamo ancora all’inizio.”

Dal punto di vista psicologico e dal punto di vista fisico come arriva la sua squadra a questo primo appuntamento?

MR.MEDICI: “Sotto il punto di vista psicologico è un bel punto interrogativo,siamo alla ripresa di una gara ufficiale dopo 8 mesi e quindi c’è tantissima voglia di riprende ma sarà una bella incognita,ma non nascondo che i ragazzi sono carichi per tutto il precampionato che ha lasciato di sicuro buone sensazioni. A livello fisico io non mi accontento mai, la squadra sta bene e la vedo molto pimpante ma come al solito io sono sicuro che possiamo ancora migliorare.”

La società ha fatto diversi sacrifici per arrivare a consegnarle una squadra competitiva….ad oggi dove può arrivare questa squadra?

MR.MEDICI: “La società ha fatto un ottimo lavoro nell’allestimento della squadra, mi ha accontentato su tutto, difficilmente avremmo potuto fare di più, sono molto felice per la rosa che ho a disposizione.nDove possiamo arrivare? non mi pongo obiettivi, ma allo stesso tempo non mi pongo limiti, io alle mie squadre chiedo solo di seguirmi, e di fidarsi di me al 100 %, perché io farò altrettanto,e allora ci possiamo togliere soddisfazioni.”

Quali sono le caratteristiche umane e tecniche che ha cercato di trasmettere in questa prima parte di stagione…che tipo di squadra dobbiamo aspettarci da sabato?

MR.MEDICI: “Le mie squadre devono avere una propria identità, corsa, fisicità, carattere e devono essere sempre bene organizzate, devono saper essere volubili e non dare punti di riferimento agli avversari, io dico sempre una cosa,quando gli addetti ai lavori, e i semplici appassionati di questo sport,riconoscono le mie squadre anche se non sono seduto in panchina, allora vuol dire che ho fatto un buon lavoro. Sabato vi posso assicurare che troverete una squadra pronta a lottare su ogni pallone.”

Conosce un Po le avversarie del girone dove siete stati inseriti…quali sono secondo te le avversarie che partono per fare un campionato di vertice e quali le possibili sorprese?

MR.MEDICI: “Girone molto difficile credo che le più accreditate siano Eur Massimo su tutte, poi nella stessa griglia di partenza ci metterei Fortitudo Pomezia, Velletri ,Cioli e History 3Z. Le possibili sorprese possono essere Real Fabrica e le sarde che non conosciamo benissimo….Ma un occhio va sempre puntato sul Colleferro che ha in panchina uno degli allenatori più preparati ed esperti del campionato. Insomma ci sarà da divertirci le avversarie sono tutte toste. Auguro un buon campionato a tutte.”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *