SILVIA SARGENTI E LA SUA “FAMIGLIA” REAL CANNARA – Bilancio di una grande stagione e sguardo al futuro

 

Vicine a scrivere un pezzo di storia…..le ragazze del Real Cannara al primo anno di vita della squadra femminile sfiorano la promozione nel nazionale attraverso i play off. Un anno fantastico in cui il gruppo gestito da Silvia Sargenti, vera anima delle ragazze allenate sapientemente da Grazia Scopa, ha saputo far fronte ai consueti  alti e bassi e che grazie all’impegno di tutte ed all’amore per questa maglia, è andata vicino al sogno nazionale.

Abbiamo intervistato Silvia Sargenti.

Buongiorno Silvia….. conclusa la prima stagione del Real Cannara Femminile, ci puoi fare un bilancio di questa annata?

SILVIA SARGENTI: “Bilancio più che positivo. Non è stato facile per una nuova realtà cominciare da zero e fare subito bene in un campionato difficile come la serie c femminile. Per noi è stato un anno fantastico, contando le tante difficoltà incontrate e che l’obbiettivo di partenza era conquistare l’accesso al girone Gold. Invece grazie al grande lavoro sia dentro il campo di gioco che nello spogliatoio da parte di mister Scopa, al grande impegno e caparbietà delle ragazze ed al grande gruppo “famiglia” che si è creato siamo riuscite a raggiungere obbiettivi irraggiungibili almeno per la prima stagione. “

Col senno di poi c’è un rimpianto tra finale di Coppa e playoff nazionali nella quale fareste qualcosa di diverso?

SILVIA SARGENTI: “È normale che qualche piccolo rimpianto c’è però non si poteva fare più di quello che è stato fatto, anzi devo fare i complimenti e ringraziare le ragazze perché ogni partita sia la finale di coppa che i playoff hanno dato tutto quello che era nelle loro potenzialità. Siamo uscite sconfitte con onore perché rispetto gli avversari non avevamo cambi disponibili e le nostre riserve non possono competere a questi livelli. Non potevamo chiedere più ne a chi gioca che sta tirando la carretta dall’inizio della stagione senza mai rifiatare, ne a chi non gioca ma che ogni partita sta in panchina ad incitare le compagne. “

Arteficie di questa grande stagione è Mr.Grazia Scopa…..puoi farci un giudizio su di lei….. dentro e fuori dal campo?

SILVIA SARGENTI: “L’artefice di questa grande stagione è Grazia Scopa allenatrice grintosa, preparata e piena di energia che è riuscita a dare nuova linfa a giocatrici oramai in declino, riportandole in auge. Sopratutto grazie alla sua esperienza ed al suo intuito tattico è riuscita a sfruttare al meglio il portiere in movimento soluzione poco usata nel nostro campionato in quanto rischiosa è difficile da fare, tirando fuori da una giocatrice come Roberta Catanossi , l’arma vincente.”

Puoi dirci due parole sulla rivale stagionale il Real Colombine?

SILVIA SARGENTI: “Le colombine sono una bella squadra che ha un organico formato da 12/14 tutte di buon livello, cosa che ha differenza nostra e di altre squadre dello stesso campionato ha fatto la differenza ed alla fine le ha premiate “

Infine facciamo il gioco dei nomi…..chi della tua squadra ti ha particolarmente sorpreso per rendimento e chi invece è stata una conferma assoluta sulla quale avresti puntato ciecamente ad inizio anno?

SILVIA SARGENTI: “Mi ha stupito è la rinascita di una giocatrice come Sara Altei che davano tutti per finita che invece quest’anno grazie alla cura Scopa ha realizzato la bellezza di 107 goal e Benedetta Paggi che ha segnato goal importanti ed si è messa sempre a disposizione della squadra.Conferme assolute sulle quali abbiamo puntato e sulle punteremo per il prossimo anno sono la stratosferica Pedace Gisella, e il nostro grande capitano Ilaria Caporaletti “

La società ha dimostrato di esserci e investire tante delle proprie forze sulla squadra femminile….quali sono i programmi futuri?

SILVIA SARGENTI: “Per il futuro io insieme al mister Grazia Scopa stiamo lavorando per avere una rosa più grande in modo da poter migliore e raggiungere nuovi traguardi. Contando che il nostro è un progetto nato l’anno scorso da sviluppare da qui a tre anni! “

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *