LAZIO C1 Girone B – Risultati, Classifica e la voce del personaggio della settimana GIUSEPPE GALANTE

2°Giornata

FORTE COLLEFERRO – HISTORY ROMA 3Z  4-6

ROCCA DI PAPA – CISTERNA 6-4

TC PARIOLI – CITTA DI COLLEFERRO 5-4

VIGOR CISTERNA- SAVIO 8-3

VIRTUS ANIENE – MINTURNO 10-2

VIS FONDI – ALBANO 5-3

VIS GAVIGNANO – VIGOR PERCONTI 3-5

 

Classifica

VIRTUS ANIENE 6  
HISTORY ROMA 3Z 6      
VIGOR PERCONTI 6    
VIS FONDI 6      
TC PARIOLI 4      
CISTERNA FC 3      
VIGOR CISTERNA 3      
ROCCA DI PAPA 3      
MINTURNO 3      
SAVIO 1      
CITTA DI COLLEFERRO 0      
FORTE COLLEFERRO 0      
ALBANO 0      
VIS GAVIGNANO 0  

 

Abbiamo ascoltato GIUSEPPE GALANTE, perno storico della HISTORY ROMA 3Z, che sabato ha vinto  in trasferta in casa del FORTE COLLEFERRO grazie ad una rimonta.

Gli abbiamo fatto le seguenti domande:

1) Nonostante l’assenza importante di Capitan Didonè avete ottenuto due ottimi risultati anche inaspettati come quello di Sabato, quali sono i punti di forza della vostra squadra?

G.G. ” L’assenza di Didonè pesa tantissimo, quando lui è in campo si fa sentire, non si risparmia mai, lotta su tutti i palloni, quindi quando non c’è si sente la differenza. Abbiamo avuto anche la defezione di Gino Galluzzi che in allenamento mi ha dato l’impressione che può darci veramente una mano importante. Il nostro punto di forza quest’anno secondo me è la determinazione. Vedo tutti quanti molto determinati, anche in allenamento tutti con la giusta tensione e consapevoli dei nostri limiti e dei nostri punti di forza.”

2) Parlaci un po’  della vostra rosa e dell’allenatore Fabrizio Scaccia che vi sta guidando molto bene e che tu conosci da diversi anni

G.G. ” Sarebbe ingiusto fare dei nomi rispetto ad altri, intanto perché sono tutti ragazzi umanamente eccezionali. Per quanto riguarda lo specifico tecnicamente la nostra rosa è composta da tutti ragazzi al di sopra della media. Tutti nessun escluso. Se devo dirti chi in queste due partite mi ha più stupito dico i due under Colocci e Cimei, che stanno facendo un inizio stagione buonissimo e soprattutto Apollonio Andrea, portiere under 21 che ha fatto due partite di grandissimo livello. Mister Scaccia, purtroppo o per fortuna non vede mai il bicchiere mezzo pieno, quindi cerca sempre attraverso il lavoro di migliorare ed analizzare gli errori anche dopo un’ottima prestazione. Questa sua meticolosità porta dei frutti e il lavoro lo sta ripagando.

3) Visti i risultati e le prestazioni possiamo togliere la parola salvezza dai vostri obiettivi e sostituirla con traguardi più ambiziosi?

G.G. “Assolutamente no, il nostro obiettivo è e rimane la salvezza. Lavoriamo durante la settimana per fare bene ma concentrati su quello. Poi prima arriva e meglio è, l’unica parola che deve esserci nella nostra testa è LAVORO e la salvezza ne sarà la conseguenza.

4) Qual è il tuo segreto per giocare ancora ad alti livelli ed ottime prestazioni nonostante non sei più un bambino?

G.G. ” Il mio segreto è che non esiste cosa ,al di la di mia moglie e dei miei figli, che amo di più del calcio a 5. Lo faccio con passione, col cuore e so che arrivato a 39 anni devo essere il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via dal campo perché questi ragazzotti corrono velocemente e diventa sempre più difficile prenderli e devo farmi trovare pronto fisicamente e mentalmente. Inoltre devo stare attento a quello che mangio, a quanto dormo, però una volta che entro dentro quel rettangolo mi sembra di avere 25 anni e mi piace troppo, e fin che avrò questo piacere dovrete sopportarmi ancora un po’ sui campi. Devo però dire che il merito di questi ultimi due anni  dove non mi sono mai fatto male e ho giocato ad alti livelli mi sento di dire che il merito è del nostro preparatore Luciano Bartoli che fa su di noi un lavoro straordinario, è un ottimo professionista, un tecnico preparatissimo   e il 90% del merito va a lui”