INTERVISTA AL GIOVANE TIZIANO BIASINI, QUEST’ANNO IN A2 CON LA CAPITOLINA

TIZIANO BIASINI classe 96, è uno dei profili giovani più interessanti del Lazio che quest’anno si è bene distinto anche nella rosa della Capitolina di Beccaccioli ritagliandosi uno spazio importante che gli ha permesso di fare circa 20 presenze e 4 reti in A2. Un giocatore molto dinamico, veloce e molto dotato tecnicamente. In prestito alla squadra giallonera ha vissuto una stagione positiva dal punto di vista personale ma con l’amarezza di un finale col gusto amaro della retrocessione.
Partiamo da qua…….come giudichi questa esperienza alla Capitolina dal tuo punto di vista ?
TIZIANO BIASINI:  “E’ stato un anno molto importante per me anche se non è finito come volevamo e come avremmo meritato. Siamo retrocessi nonostante ce l’abbiamo messa tutta fino all’ultima partita, abbiamo lottato per tutto l’anno come leoni nonostante la giovane età del gruppo. Purtroppo abbiamo pagato qualche punto perso per disattenzione nostra  ma io penso che non ci possiamo rimproverare nulla. Stavamo facendo un piccolo miracolo ma e’ andata male. Personalmente sono cresciuto molto e questa esperienza alla Capitolina e” stata molto positiva per me, ho giocato molto in prima squadra grazie  alla fiducia che mi ha sempre dato mister Beccaccioli che spero di aver ripagato. Ho avuto l’onore di giocare con mostri sacri come Andrea Rubei dal quale si può solo imparare, addirittura ho giocato nella sua ultima partita e questo lo ricorderò sempre. Un pensiero anche a mister Budoni che ho avuto poco tempo  nella under 21 ma che rimane per me un grande mister. “
L’anno passato alla Cogianco avevi trovato meno spazio di quanto sperassi, invece in questa stagione hai avuto possibilità di dimostrare il tuo valore e non sei mancato all’appuntamento…….di chi il merito di questa tua stagione positiva e che rapporto hai con Mister Beccaccioli?
TIZIANO BIASINI: ” L’esperienza alla Cogianco la ricordo sempre con piacere anche se non ho avuto molta possibilita’ di esprimermi, mi è servita comunque per crescere.Mister  Beccaccioli invece è un grande .. riesce a caricarti solo guardandoti negli occhi e mi dispiace anche per lui se non siamo riusciti a fare questo miracolo.
Se quest’anno sono riuscito a dare di più e di meglio il merito è dei miei mister, dei miei compagni che mi hanno fatto sentire a casa e di tutto lo staff della Capitolina che spero abbia ancora un futuro. Un pizzico di merito e’ anche  mio per non aver mai mollato cercando di dare sempre il massimo di me stesso.
Ora mi godrò un po’ di riposo e per l’anno prossimo si vedrà.”
Hai avuto la grande fortuna di poter giocare ed allenarti con il simbolo del calcioa 5 italiano Andrea Rubei……quali sono le tue sensazioni e come ti è sembrato allenarti con lui?
TIZIANO BIASINI: “Allenarmi con il simbolo del calcio a 5 italiano è stata una grande emozione,quando poteva era sempre disposto a darmi moltissimi consigli che mi sono serviti molto durante il mio percorso,è stato un onore giocare al suo fianco,non mi sarei mai aspettato un giorno di giocare insieme a lui,per tutto quello che ha fatto per la squadra è per noi posso solo che ringraziarlo.
Purtroppo non siete riusciti a salvarvi, anche se sul campo poche volte avete dimostrato di essere stati inferiori agli avversari……cosa è mancato secondo te?
TIZIANO BIASINI: “Hai detto proprio bene,sul campo non siamo mai stati inferiori a nessuno,ci siamo sempre fatti valere con tutti,in ogni partita ci giocavamo la strada di casa,purtroppo nell’andata dei play out abbiamo concesso qualcosina di troppo,non abbiamo affrontato al meglio la gara è gli avversari ne hanno approfittato giocando anche a casa loro,per quando riguarda il ritorno abbiamo cercato di mettercela tutta per recuperare quei gol che ci servivano per la salvezza purtroppo però è andata così….. “
Torni al 3Z con un bagaglio di esperienza importante, vorresti avere di nuovo la possibilità di giocarti le tue possibilità nel nazionale…..è di questi giorni la notizia che ci potrebbe essere questa possibilità…….saresti felice in questo caso di rimanere nella società in cui  sei cresciuto?
TIZIANO BIASINI: “ La History Roma 3Z è sempre stata la mia casa Dove sono cresciuto grazie a tutti i mister che mi hanno allenato. In questi due anni fuori dalla 3Z ho cercato di fare esperienza e di crescere in categorie nazionali importanti e credo e spero di esserci riuscito. Sarei felicissimo ed orgoglioso se la history sbarcasse nel nazionale perché se lo meritano tutti i ragazzi che sono cresciuti lì dentro e che conosco tutti benissimo e ai quali voglio un mondo di bene. Per quanto mi riguarda sono a disposizione della mia società poiché dal 1 luglio rientro dal prestito e conoscerò con piacere e onore il nuovo staff tecnico che guiderà le nostre categorie.  Rivestire i miei colori sarebbe bellissimo ma non decido solo io. Vedremo nelle prossime settimane quelli che succederà . Per adesso un grandissimo in bocca al lupo ai miei amici allievi e under 21 per il loro finale di stagione. Verrò a vederli.”
C è una persona che più di tutti ti è stato vicino in questi anni…..e vorresti ringraziarlo?
TIZIANO BIASINI: ” Ci sono delle persone che mi sono state vicino…a partire dalla mia famiglia e da mio padre che mi è stato vicino nei momenti difficile e mi ha sempre saputo aiutare e dare consigli, un altra persona è la mia ragazza che è stata sempre presente, e sempre lì pronta ad incoraggiarmi ed aiutarmi e nelle brutte sconfitte a tirami su di morale.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *