INTERVISTA A PERRINI: “Le mie idee per il BLOCK STEM CISTERNINO del futuro!

Buongiorno Direttore,

 

Il campionato per quel che riguarda la prima squadra si è concluso con una storica promozione in serie A, e per quel che riguarda la squadra under 21 invece si è arrivati per il momento ai quarti di finale.

  • Ci traccia un bilancio stagionale?

“La stagione è stata assolutamente eccellente e i risultati sono la dimostrazione più diretta di questo. Con la prima squadra abbiamo tagliato un traguardo che ci rende orgogliosi e fieri e ci rinfranca di tutti i sacrifici fatti, con l’U21 abbiamo disputato per il secondo anno di fila la Finail Eight e ci siamo confermati subito dopo tra le migliori otto d’Italia. Sono molto soddisfatto direi proprio un’ ottima stagione”

  • Quali sono stati gli elementi vincenti che hanno portato la promozione in serie A?

“Restare con i piedi per terra, crescere e migliorarsi in continuazione, godersi il risultato e diventare sempre più una società professionistica.”

Parlando di futuro prossimo,

  • Adesso quali sono le cose più importanti da fare per disputare una serie A all’altezza?

“Stiamo valutando tutto, la cosa più importante sarà non lasciare nulla al caso.”

  • La rosa della squadra è molto giovane, secondo lei per la serie A ci sarà bisogno di qualche innesto di esperienza?

“Certo è che con i giovani e la loro freschezza abbiamo stravinto un campionato, quindi credo che loro siano sempre un’arma in più, per i giocatori d’esperienza, valuteremo in queste settimana, ma abbiamo qualche idea in mente.”

  • A che punto siamo con la scelta del mister, ci può anticipare qualcosa e c’è un allenatore che le piacerebbe portare a Cisternino, magari un pugliese come Bellarte?

“Stiamo valutando diversi prospetti, credo che a breve avremo novità interessanti.”

Abbiamo già accennato all’under 21.

  • Quali sono gli elementi di maggior spicco che potrebbero essere importanti anche per il roster della prima squadra per il prossimo anno?

“Ripeto, l’U21 è un vivaio da cui attingere con costanza, visto e considerato che da due anni è tra gli otto migliori d’Italia. Ci sono giocatori che faranno parlare di loro negli anni a seguire, ne sono certo.”

  • Secondo lei, considerando anche le individualità di Baron, Dener e Semeraro, ci sono già le basi per portare uno storico scudetto under 21 a Cisternino?

“Mister Bruno ha creato un bel gruppo assortito che gioca molto bene, quindi non mi focalizzerei sui singoli, nonostante in rosa ci siano giocatori già affermati a livello nazionale. L’andata dei quarti non è andata molto bene, ci servirà un’impresa, ma il risultato di per se è già ottimo. Ci riproveremo, nel caso.”

 

Facendogli i complimenti per i risultati raggiunti le facciamo un in bocca al lupo per il proseguo della stagione

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *