Intervista a MARCELLO SERRATORE direttore tecnico della FELDI EBOLI: “Lavoreremo per farci trovare pronti anche in A”

Grande protagonista dell’Ascesa della Feldi Eboli in paradiso è Marcello Serratore, il Direttore Tecnico della squadra campana. Quel Paradiso chiamato SERIE A, raggiunta con un vero e proprio “MIRACOLO SPORTIVO” attraverso i play off vinti in finale contro il Milano. Lo abbiamo raggiunto ai nostri microfoni

 

Buongiorno direttore e complimenti per la promozione…..quale è stato il momento in cui ha percepito la reale possibilità di poter arrivare addirittura a vincere i playoff?

MARCELLO SERRATORE: ” Ci sono due momenti in cui abbiamo capito che potevamo giocarcela con chiunque e dovunque; dopo la qualificazione ai play off mister Ronconi ha preteso, giustamente, che gli organizzassi un’ amichevole con una squadra di A1 e, grazie alla disponibilità del Rieti, fummo loro ospiti dove disputammo una grande partita e lì i ragazzi si convinsero che i play off li avremmo disputati da protagonisti e l’ altro momento, quando vincemmo a Policoro a 17″ dalla fine in partita secca, dopo essere stati in svantaggio per 4 reti a 2 a pochi minuti dalla fine.”

Appena un anno fa ha  ricevuto l’incarico di costruire la squadra…..con chi crede sia giusto condividere i meriti di questo successo?

MARCELLO SERRATORE: ” Assolutamente con il Presidente Gaetano Di Domenico, vero ed unico artefice del miracolo FELDI EBOLI. E pensare che noi eravamo preparati per fare una serie B da protagonisti, invece siamo stati ripescati in A2 ed il resto…..è STORIA.”

Quanto è stato determinante Massimo Ronconi?

MARCELLO SERRATORE: “FONDAMENTALE. Senza nulla togliere alla gestione precedente, importante    anch’ essa, l’ arrivo di Massimo Ronconi a febbraio, in una squadra non fatta da lui ed in un momento delicato dovuto anche a numerosi infortuni, ha ridato verve ad un gruppo sfiduciato  cambiandi totalmente il modo e l’ intensità delle sedute di allenamento. Non è stato facile nemmeno per lui all’ inizio ma poi, alla fine, i risultati inequivocabilmente gli hanno dato ancora una volta ragione. Vorrei sottolineare anche l’ importanza fondamentale del Prof. Raffaele La Penna, anch’egli giunto a febbraio con l’ avvento di Ronconi e, se la squadra correva per tutti i 40 minuti, il merito è tutto del Prof.”

Finalmente la serie A ritrova uno dei direttori più preparati d’italia….se la sente di sbilanciarsi e di rassicurare i tifosi che il matrimonio con Ronconi continuerà?

MARCELLO SERRATORE: “Innanzitutto ti ringrazio per i complimenti ma, non mi sento assolutamente uno dei più preparati in Italia anzi, ho ancora tantissimo da imparare e non esito un solo istante a chiamare questo o quel direttore per chiedere, sapere o capire. Forse, come dice qualcuno, sono un direttore ” atipico” in quanto, nato allenatore ecco, questo si lo accetto. Per quanto concerne la conferma di Ronconi, stiamo valutando insieme a lui il da farsi anche perché, senza offesa per nessuno, resta la nostra prima scelta. In serenità stiamo valutando se ci sono i presupposti per continuare questa avventura insieme anche nella massima serie, cosa che ci auguriamo ma che ancora non abbiamo risolto. “

Quali sono in termine di mercato le priorità di cui ha bisogno la vostra rosa per essere competitiva anche in A?

MARCELLO SERRATORE: ” É innegabile che la serie A sia un campionato totalmente diverso dalla A2 e quindi dobbiamo essere bravi a non farci trovare impreparati in modo da affrontare, per la prima volta, una competizione per noi inimmaginabile fino a pochi mesi fa.”

Crede che questo “progetto” abbia tutte le carte in regola per non essere solo una meteora della massima serie…..ed eventualmente dove secondo lei c’è ancora da lavorare.

MARCELLO SERRATORE: “Come ha pubblicamente dichiarato il Presidente Di Domenico, la Feldi Eboli non vuole essere una meteora. Sicuramente sarà un lavoro durissimo sotto tutti i punti di vista, societario, economico, organizzativo e tecnico, cercando di migliorare in tutti gli aspetti dove crediamo di non essere stati efficienti e, potenziare invece i punti di forza che ci hanno permesso di realizzare questo ” miracolo sportivo” “

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *