intervista a GRAZIANO GIOIA del LIDO DI OSTIA Campione d’Inverno nel girone E di SERIE B

GRAZIANO GIOIA è sinonimo di GARANZIA,  e cosi la scelta estiva della Presidenza del LIDO DI OSTIA non fu mai più azzeccata.

L’esperienza, la tecnica, la capacità tattica, la determinazione fanno di lui un LEADER. E cosi il “ragazzo” classe 77 è diventato il fulcro della squadra di Matranga. Indispensabile nei 40 minuti di gara, impareggiabile nelle ore di allenamento quando diventa fondamentale per il resto della squadra. Non si arriva a vincere  titoli importanti come due scudetti, due Coppa Italia e una Supercoppa. Non si arriva a vestire la maglia della Nazionale se non sei un professionista e soprattutto se non ti alleni come se dovessi sempre imparare. Quest estate, quando ha accettato di diventare parte integrante di un progetto chiamato LIDO DI OSTIA, il ragazzo romano si è investito di una nuova causa per cui spendere l anima. E cosi è stato. Anche se la partenza non è stata delle migliori, sconfitta a Marigliano, Graziano Gioia e i suoi compagni si sono rimboccati le maniche e preso atto di una buona prestazione seppur nuda di punti, trascinati da Roberto Matranga, ha testa bassa hanno macinato punti. E quella sconfitta iniziale che avrebbe tagliato le gambe a molti è stato un punto da cui ripartire. E da li, nove vittorie e due pareggi. Una macchina da goal perfetta, soprattutto in fase difensiva. I numeri non mentono e i fatti parlano chiaro: CAMPIONI D’INVERNO con 40 minuti di anticipo sulle avversarie e soprattutto 6 punti di distanza dalle inseguitrici. In più, primo obiettivo centrato, quello dell accesso alla Coppa Italia. Abbiamo ascoltato le parole di Graziano Gioia, per lui quest anno 12 presenze, 3 reti.

Buongiorno Graziano, 

Partiamo dalla stretta attualità.
Primi in classifica con una serie positiva impressionante. Dopo aver perso la prima gara di campionato sono arrivate 9 vittorie e 2 pareggi.
Ci commenti questo trend positivo? Eppure era cominciata con una sconfitta a Marigliano.
E’ cambiato qualcosa dopo quella gara o è stato solo un incidente di percorso?

GIOIA: ” Secondo me la nostra forza è nata proprio a Marigliano, nonostante è l unica sconfitta che abbiamo fatto, a fine gara abbiamo preso coscienza delle nostre capacità. Abbiamo creato tanto, la prestazione è stata più che buona siamo stati sfortunati a non concretizzare le tante azioni create, pali, traverse. E nonostante questo siamo stati bravi a non disunirsi e prendere atto della nostra forza. Da la è cominciata la nostra serie positiva che è fatta da prestazioni buone sempre in crescendo. Questi risultati non sono frutto del caso, ma del lavoro meticoloso che facciamo in settimana e poi naturalmente vincere aiuta a vincere, siamo sicuri del lavoro che svolgiamo e siamo bravi a riportarlo il sabato sul campo.”

Quello che balza più agli occhi è che prendete pochissimi goal. Quasi la metà di tutte le altre squadre.

GIOIA: ” Si è vero, il pensiero che ci ha trasmesso il Mister è proprio questo. Per vincere i campionati bisogna avere una grande difesa e subire pochi goal. Il Mister è stato bravo a trasmettere questa cosa. E anche il mio credo, perchè penso che quando giochi contro una squadra che non ti fa fare goal e ti concede poche occasioni subentra un meccanismo psicologico che ti fa dire dentro di te che sarà dura vincere e sarà dura fare goal. Il mio mestiere è non fare prendere goal alla mia squadra, ma credo che il frutto di questi nostri numeri importanti sono frutto di una difesa collettiva fatta da tutta la squadra, io ci metto quell esperienza che ho in più ma la forza della nostra fase difensiva è collettiva, tra l altro io sono molto attento a queste cose e ti dico che molti dei goal presi sono errori nostri e che possiamo quindi ancora migliorare sotto questo aspetto.”

E’ facile per una squadra quando in difesa gioca Graziano Gioia? La tua è una carriera decennale giocata ai più alti livelli. Dall’alto della tua esperienza quali sono gli errori da non commettere per non compromettere una stagione in cui vedervi non vincere il campionato sembrerebbe assurdo?

GIOIA: ” L errore da non commettere è proprio questo, quello di credere che non possiamo perdere. Manca ancora un girone e il campionato è lungo ed equilibrato. Bisogna rimanere umili, con i piedi per terra. Lavorare bene in settimana e non lasciare nulla al caso, bisogna chiedere sempre il meglio da noi stessi e cercare sempre di migliorarsi. Me ne accorgo ora che ho 39 anni, che ancora miglioro e sarebbe assurdo se qualcuno di noi pensasse che siamo arrivati. “

La società, il mister o la rosa. Qual è tra questi l’elemento che ha funzionato meglio in queste prime 12 giornate?

GIOIA: ” In questa prima parte del campionato hanno funzionato tutte tre le cose. Forse il segreto è che sono andate in sintonia tra loro…sulla stessa frequenza. La società è una società molto seria…mi sono trovato bene fin da subito, cè gente competente. La cosa importante è che fanno le cose ponderate, fanno quello che possono e non si lasciano prendere da facili entusiasmi come altre società che quando iniziano a vincere fanno passi più lunghi della gamba e si trovano in difficoltà. Questa società è seria, puntuale e questo ci permette di lavorare con serenità a noi e il mister. Sono felicissimo della scelta che ho fatto, stiamo facendo qualcosa di importante ma non dobbiamo fermarci, dobbiamo lavorare, migliorare e fare uno step successivo, migliorare delle nostre incertezze e credo che questa squadra possa provare a vincere la Coppa Italia, credo che lavorando possiamo avere le carte in regola per giocarsela.”

Quali sono gli avversari che potrebbero intralciare la vostra cavalcata? Quali temete di più?

GIOIA: “L avversario che io temo di più sarebbe scontato dire noi stessi…..io sono convinto che noi resteremo umili e continueremo la nostra marcia, dico quelle che ci stanno inseguendo ad oggi fino alla Mirafin, con 42 punti in palio possono rientrare tutte in corsa. Forse un po di più la Gymnastic Fondi; noi contro loro abbiamo fatto una grande prestazione, la migliore in assoluto, ma loro sono un ottima rosa, preparata fanno un ottimo giro palla. Quindi se proprio devo fare un nome faccio il loro.”

Ultime battute parlando di futuro.
L’Obiettivo di Graziano Gioia per il futuro?
Hai mai pensato se da grande potresti essere un ottimo allenatore?

GIOIA: “Per quanto riguarda il mio futuro mi vedo allenatore si, però come tutti i giocatori che stanno a fine carriera mi fa paura l’idea di smettere. Mi mancherebbe troppo, vivere lo spogliatoio, l’ adrenalina della gara. Adesso non ci penso perchè mi sento troppo competitivo, mi alleno bene, faccio una vita sana e amo troppo giocare. Non ci penso proprio ad oggi di dover smettere. In un futuro lontano penso di poter avere la testa per poter fare l’allenatore.”

Chiudiamo chiedendoti un tuo giudizio sul nostro sito

GIOIA: “Vi faccio i complimenti veri. Tanti dati, tante informazioni, tanti numeri tutti corretti e aggiornati e questo mancava nel calcio a 5. Continuate cosi e miglioratevi sempre perchè queste sono le cose che fanno bene al nostro sport.”

 

 

 

 

Classifica 12° Giornata

Squadra Pt G V Pa Pe Gf Gs
Todis Lido di Ostia 29 12 9 2 1 56 24
Brillante Torrino 23 12 7 2 3 60 45
Gymnastic Fondi 23 12 7 2 3 46 35
Mirafin 21 12 6 3 3 59 46
Città di Carnevale Saviano 20 12 6 2 4 54 50
Futsal Marigliano 17 12 5 2 5 52 50
Ferentino 16 12 5 1 6 48 46
Alma Salerno 16 12 5 1 6 38 43
Virtus Fondi 16 12 5 1 6 40 46
Sagittario Pratola 16 12 4 4 4 46 57
Tombesi Ortona 15 12 5 0 7 31 44
Active Network 14 12 4 2 6 40 41
Lpg Casoria 13 12 3 4 5 38 41
Venafro 0 12 0 0 12 24 64

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *