Intervista a DAMIANO CASO , preparatore dei portieri della FORTE COLLEFERRO

Buongiorno a Damiano Caso, una carriera importante da portiere nel regionale, con quattro promozioni conquistate sul campo e tante soddisfazioni.Dopo una stagione passata a difendere la porta dell’Anagni la decisione di passare alla Forte Colleferro per occuparti della preparazione dei portieri

Come è maturata questa idea che ti ha portato a lasciare il calcio a 5 giocato ed iniziare a fare il preparatore dei portieri qui a Colleferro?

 CASO: ” La scelta di lasciare il calcio a5 giocato è principalmente nel fatto che penso di aver dato tutto ed il massimo a questo sport e quindi, ricercando nuovi stimoli, mi sono reso conto che avrei potuto trovarli trasmettendo il mio amore, la mia passione e la mia tecnica alle nuove leve. Serenità, Passione e Pazienza sono i motivi che mi hanno portato ad iniziare questa nuova avventura. Nel frattempo ho anche riscoperto uno sport che mi sta regalando il sorriso, la serenità e la condivisione con il mio coach preferito, il mio papà: il Running.”

Come è cominciata quest’avventura con la Forte Colleferro?

 CASO: In questa società c’è voglia di fare le cose per bene, c’è professionismo da parte di tutti.È proprio da queste ultime parole che riparto perché un’opportunità del genere non capita tutti giorni, dal momento che ho deciso di intraprendere questa meravigliosa realtà di preparatore: cosa chiedere di più se non iniziarlo in un campionato nazionale? Per me è motivo di orgoglio e prestigio.Alla soglia dei 40 anni ho giocato con diverse squadre, ho avute tante gioie, soddisfazioni e traguardi, ma anche brutte annate. Ma del mio passato non rinnego nulla, fiero di aver fatto tutto quello che era nelle mie possibilità. Perché ho sempre lottato per ottenere il rispetto degli allenatori, conquistandomi la titolarità. Perché sono uno che Lotta…. Combatta e Vince…. e se non Vince…. IMPARA…!!!!!!!!! È questo ciò che vorrei dare, portare e ricevere qui.”

 Dammi subito un giudizio sui portieri che stai allenando: Jacopo Tantari e Angelo Rossi?

 CASO: ” Su ROSSI, che dire un portiere che di campionati ne ha fatti, di preparatori ne ha avuti, ma spero di trasmettergli quell’amore che ho per questo ruolo, la fatica di questo sport. Il bello di essere contro sé stessi. L’ignoranza di non mollare mai… solo allenandosi con la giusta determinazione potrà mettere in mostre le sue doti.Per lui purtroppo per ora la stagione non è mai iniziata, motivi di salute lo tengono per ora fuori dai campi di gioco a data da destinarsi.

 Su TANTARI, un giovane pieno di talento, l’esperienza arriverà, ma di lui ne sentiremo parlare perché ha tanta voglia di lavorare, imparare e crescere.

Aggiungo due nomi alla rosa, Daniele Barba appena arrivato e il giovane anzi giovanissimo 2002 Christian Recchia. Che dire degli ultimi arrivati;

 Per BARBA, di lui parla il suo CV, insomma di esperienza ne ha tanta, lavorando bene e con armonia potremmo trasmettere ai più giovani quelle piccole cose che fanno le grandi cose.

 Su RECCHIA C., un giovane anzi giovanissimo 2002 che sarà il futuro saracinesca della FORTE, voglia di crescere, imparare e pieno di talento, con tanta passione. Spero e mi auguro di trasmettergli il giusto ingrediente per renderlo il migliore.”

 Angelo Rossi rimane una garanzia nel ruolo?

CASO: “Ovviamente sì, spero possa tornare presto sui campi di gioco ad allenarsi con noi e dimostrare tutto il suo valore.”

 Quale pensi sia l’importanza del portiere in una squadra e nell’arco di una stagione in serie B?

 CASO:Nel calcio a cinque è il ruolo più complesso e determinante, oltre ad essere parte integrante dell’organizzazione della squadra. Utilizza, per soddisfare le sue funzioni, una tecnica speciale rispetto al resto dei compagni.Un buon portiere deve essere in possesso di alcuni requisiti fisico-atletici e psico-caratteriali, che costituiscono la base per costruire una buona tecnica e tattica.Tecnica e tattica individuale, consapevolezza dei mezzi, personalità e gestione delle risorse mentali nelle fasi di allenamento e di partita: questo è il menù che deve accompagnare quotidianamente il…pasto di campo del portiere.”

 Quale sarà il tuo obiettivo personale per questo anno?

 CASO:Sarà anche scontata come risposta ma io sinceramente ho una gran voglia di vincere. Ovvio che la stagione sarà lunga e impegnativa, la concentrazione non dovrà mai calare e solo verso la prossima primavera si potrà iniziare a ragionare concretamente sui risultati. A livello personale mi piacerebbe riuscire a garantire un salto di qualità importante ai nostri portieri, portandoli ad essere determinanti ai fini del risultato della squadra.”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *