E’ UN PESCARA “PIGLIATUTTO”, ANCHE GRAZIE AI PORTIERI – INTERVISTA AL PREPARATORE DEI PORTIERI DEL PESCARA CALCIO A 5 LUCA CHIAVAROLI

Il Pescara continua a vincere. E lo fa alzando nel giro di due giorni la Coppa Italia Under 21 e quella di Serie A. Lo fa anche grazie alle capacità di un ruolo sempre più fondamentale, quello del Portiere. Grazie a portieri importanti come Antonio Capuozzo, decisivo nel finale di gara salvando con due parate mostruose gli attacchi della Luparense e con Lorenzo Pietrangelo che para uno dei tre rigori (l’ennesimo rigore parato) che permette ai delfini di alzare un trofeo. Insieme a questi due campioni, che sono senza dubbio il presente ed il futuro degli abruzzesi c’è Luca Chiavaroli. Qualche volta in veste di terzo portiere ma spesso molto di più. E’ il preparatore dei portieri del Pescara. Allena quotidianamente Capuozzo, Pietrangelo e gli altri portieri che stanno crescendo nel settore giovanile. Come ad esempio Mudronja, ragazzo croato classe 98, che Luca ha avuto modo di apprezzare con la Nazionale Croata dove fa parte dello staff tecnico sempre come preparatore dei portieri. Insomma possiamo sicuramente asserire che il Pescara Calcio a 5 è nelle mani giuste.

Abbiamo intervistato il preparatore dei portieri del Pescara Calcio a 5 Luca Chiavaroli

Buongiorno Luca, che tipo di lavoro si organizza all’inizio dell’anno quando allo stesso tempo si deve allenare un portiere esperto di 35 anni come Capuozzo  e uno giovane dal grandissimo futuro come Pietrangelo?

LUCA CHIAVAROLI: “Non faccio differenza tra i due portieri, io lavoro molto sulla parte fisica e mentale quindi Antonio anche se ha 37 anni sta vivendo una seconda gioventù. Lorenzo anche se giovane di età ormai sono già diversi anni che lavora con me”

Più in generale, l’allenamento che un preparatore dei portieri organizza in una stagione cambia in base alle caratteristiche dei portieri che deve allenare oppure è sempre lo stesso?

LUCA CHIAVAROLI: ” Il lavoro io di solito l’ organizzo secondo le caratteristiche del portiere però ormai lavoro con Mister Colini da  un po’ quindi abbiamo cercato di migliorare i nostri portieri in base al nostro modo di giocare e la nostra difesa”

Quali sono le caratteristiche fondamentali che devono avere i portieri che alleni?

LUCA CHIAVAROLI: ” Ho la fortuna di lavorare con due portieri che mi seguono costantemente, gli aspetti che curo sono quelli fondamentali tecnico-tattico fisico e mentale. Sulle caratteristiche ti dico che per stare a questi livelli le caratteristiche fondamentali di un portieri di calcio a 5 i nostri portieri c’è le  hanno,  la cosa più difficile è farli allenare a fare  la scelta giusta in tempi brevissimi.

Sono ormai tanti anni che lavori con il Pescara e con Fulvio Colini.
Per quello che riguarda la metodologia di allenamento come vengono impiegati solitamente i portieri  tra te e il mister?

LUCA CHIAVAROLI: ” Io ed il Mister Colini siamo in costante confronto di solito facciamo due o tre allenamenti specifici con i portieri dove lui è sempre presente poi ci sono gli allenamenti che i portieri fanno con la squadra ma dipende anche molto dagli impegni perché anche riposarsi il giusto è importante sono tutte cose che decidiamo insieme

Nell’ultime settimane sono saliti alla ribalta i “tuoi portieri”.
Capuozzo ha giocato benissimo per tutta la competizione e nella parte finale della gara contro la Luparense ha compiuto delle parate decisive. Pietrangelo invece è stato assoluto protagonisti durante i calci di rigori, prima contro l’Imola, poi con la sua under 21 e infine parando il rigore decisivo a Taborda in finale.
Ci dai un tuo giudizio sulle loro prestazioni durante questa Final Eight di Coppa Italia?

LUCA CHIAVAROLI: ” Comincio con il dire che il merito della vittoria è di tutto il gruppo. Per quello che riguarda i portieri per Antonio parlano i fatti di questi ultimi tre anni, non devo dirlo io ma giudicate voi con i vostri occhi, ha avuto una piccola flessione prima di questa Coppa ma è fisiologico dopo 3 anni di costanza. Tornare dopo un infortunio e vincere una Coppa con questa prestazione non è certo facile.
Lorenzo e’ un portiere in costante miglioramento che ha ancora tanto da imparare però ti dico che non è solo un “pararigori”,  certo questa è una sua caratteristica legata molto al suo coraggio.Ovvio che in una competizione dove si battono 3 rigori e  lui ne para almeno uno diventa determinante

Sappiamo che collabori anche con la Nazionale croata.
Ci racconti che tipo di lavoro stai facendo con la Croazia e a che livello è la loro Nazionale?

LUCA CHIAVAROLI: “Si collaboro con loro da prima dell’Europeo di Anversa ed ho avuto la fortuna di partecipare all’ultimo Europeo in Serbia, è stata una grande Esperienza. Per quanto riguarda il lavoro cerco di curare gli aspetti che ti dicevo prima però li i tempi sono ristretti, non è facile.La Croazia sta crescendo molto negli ultimi anni basta guardare anche i risultati nelle ultime amichevoli contro l’Italia. Quando sono lì con loro il mister Mate Stankovic mi permette di lavorare il più possibile con i portieri lasciandomi molto spazio. Nell’ultimo stage prima dell’Europeo ho conosciuto Pave che ho subito segnalato al nostro D.s. Matteo Iannascoli . Portiere di prospettiva anche lui può migliorare tanto, mi ha fatto piacere che è stato uno dei protagonisti nella vittoria della Coppa Italia Under 21

Grazie Luca per la tua disponibilità, vuoi chiudere aggiungendo altro?

LUCA CHIAVAROLI: “Grazie a voi, vorrei finire ringraziando i miei 2 portieri, il Pescara calcio A 5, la famiglia Iannascoli e Mister Colini perché con lui negli ultimi anni ho avuto modo di migliorare molto

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *