History Roma 3z – Zaccardi tra presente e futuro: “Noi un punto di riferimento…pronti a costruire una struttura nostra”

Il presidente dell’History Roma 3Z Luciano Zaccardi fa un punto della situazione tra mercato, futuro e struttura al coperto: “In questi giorni stiamo parlando con tutta la nostra rosa definendo i rinnovi per la prossima stagione. Naturalmente grande spazio lo avranno tutti i ragazzi del nostro vivaio, ma non ci fermiamo qui, perché stiamo cercando alcuni giocatori di livello ed esperienza da inserire in squadra ed in grado di farci compiere un ulteriore passo in avanti. Abbiamo già avuto contatti con alcune società e calciatori e nei prossimi giorni definiremo gli ultimi dettagli. Il lavoro è ad un ottimo punto”. Parlando della struttura, altro tema caldo, il presidente Zaccardi spiega: “Il nostro è un centro storico della Capitale, all’interno del quale c’è una grande area predisposta proprio per la realizzazione di una struttura al coperto. Il progetto è già pronto ed abbiamo iniziato anche l’iter burocratico. Dotare il nostro impianto di un campo al coperto è un passo necessario per la nostra crescita e per seguire le nostre ambizioni”. Il tutto senza dimenticare le giovanili e scuola calcio: “Purtroppo non abbiamo neanche potuto organizzare delle sedute per incontrarci dopo tutti questi giorni, la novità è che dal 25 giugno riaprirà il centro sportivo e appena possibile organizzeremo degli incontri sul campo. Ci mancano molto perché siamo una grande famiglia. In ogni caso stiamo lavorando per rafforzare le rose di Under 15 e Under 17 e siamo felici di sapere di essere un punto di riferimento importante per tanti ragazzi che vedono nel 3Z un punto di arrivo. Insomma, anche se l’attività sportiva è stata interrotta, la nostra società non si è fermata un solo giorno e continua a lavorare per portare avanti sia i progetti a breve che a lungo termine”.

Ufficiali tutte le promozioni ….nella prossima A Carré Chiuppano, San Giuseppe e Real Rogit

La Divisione Calcio a 5, visto l’art. 29 del regolamento LND, visto l’art. 218 del Decreto Legge del 19/05 N.34, visto il CU 197/A e 214/A della FIGC e in relazione al CU 324 della LND del 18/06/2020, tramite comunicato ufficiale, ha deliberato che le classifiche dei Campionati Nazionali sono cristallizzate al momento dell’interruzione definitiva dello svolgimento delle competizioni.

Nell’ipotesi in cui tra le società interessate alla promozione il numero delle gare svolte prima dell’interruzione dei Campionati non sia uguale, si applica la cosiddetta media dei punti, cioè il rapporto tra il punteggio cristallizzato e il numero delle gare effettivamente disputate.

In caso di eventuale ulteriore parità, tra le Società interessate si applica l’art. 51 comma 8 delle N.O.I.F. (“classifica avulsa”), tenendo conto che il criterio degli scontri diretti si applica anche se la disputa degli stessi risulta incompleta.

Di seguito tutte le determinazioni ufficiali.

SERIE A
Nessuna assegnazione del titolo di Campione d’Italia per la stagione 2019/20. L’Italservice Pesaro, prima in classifica al momento dell’interruzione, parteciperà alla UEFA Futsal Champions League 2020/2021

SERIE A2
Definite tre promozioni, una per girone.
Girone ACarrè Chiuppano
Girone BReal San Giuseppe*
Girone CReal Rogit**

*media punti Real San Giuseppe 2,904 – Fuorigrotta 2,318
**in relazione allo scontro diretto

SERIE B
Definite otto promozioni, una per girone.
Girone AFutsal Futbol Cagliari*
Girone BAtletico Nervesa
Girone CCittà di Mestre
Girone DPrato Calcio a 5
Girone EMonastir Kosmoto**
Girone FBernalda***
Girone GFutsal Capurso****
Girone HCittà di Cosenza*****

*media punti FF Cagliari 2,687 – Domus Bresso 2,533
**media punti Monastir Kosmoto 2,125 – Sporting Juvenia 2,117 – Fortitudo Pomezia 2,058
***media punti Bernalda 2,562 – New Taranto 2,411
****media punti Futsal Capurso 2,411 – Giovinazzo 2,250
*****media punti Città di Cosenza 2,875 – Bovalino 2

SERIE A FEMMINILE
Nessuna assegnazione del titolo di campione d’Italia per la stagione 19/20.

SERIE A2 FEMMINILE
Definite quattro promozioni, una per girone.
Girone APM Granzette
Girone BCittà di Capena*
Girone CCoppa d’Oro Cerveteri**
Girone DDona Five Fasano

*media punti Città di Capena 2,75 – Virtus Romagna 2,411
**media punti Coppa d’Oro Cerveteri 2,8 – Vis Fondi 2,5

RETROCESSIONI
In considerazione della richiesta della Divisione Calcio a 5 al Consiglio Federale – per il tramite della Lega Nazionale Dilettanti – per la rimodulazione del numero delle retrocessioni, la definizione delle Società retrocesse sarà oggetto di un Comunicato Ufficiale di successiva pubblicazione.

UNDER 19 MASCHILE E FEMMINILE
I campionati sono sospesi in via definitiva.

CLN – Il ritorno del Re Leone, LEO MELFI alla Corte di Sanginario

La società CIRCOLO LA NEBBIA ha piazzato il primo colpo di mercato per la nuova stagione. E’ arrivato alla corte di Marco Sanginario Leo Melfi. Un ritorno per il Re Leone

CASAL TORRACCIA – Si riparte dalle certezze…ROMAGNOLI e DAMIANI rispettivamente alla guida della maschile e della femminile

In una stagione che parte con molte incertezze nel mondo del futsal, il CASAL TORRACCIA riparte dalle proprie certezze e inizia a mettere le basi per il prossimo campionato confermando a capo dei due progetti, maschile e femminile, i due mister LEONARDO ROMAGNOLI e SIMONE DAMIANI

CYBERTEL ANIENE – Mirko Medici non farà parte del roster di Micheli

Di seguito il comunicato stampa della Cybertel Aniene che saluta Mirko Medici

Un passato indimenticabile quanto intenso. È arrivato il momento dei saluti tra la Cybertel Aniene e Mirko Medici. Quattro stagioni bellissime, dalla serie C1 alla serie A, con la sua qualità e la sua esperienza, con le sue straordinarie doti umane, Medici è diventato uno dei pilastri della Cybertel Aniene rendendo grande la sua storia.
Con stima e riconoscenza, la presidenza giallonera saluta Mirko Medici con l’augurio, più profondo, di un futuro personale e sportivo sempre splendente.

Le società rialzano la testa….. Più di 150 lettere in Divisione per chiedere stop e rimborso

Oltre 150 società dei campionati nazionali di futsal chiedono la chiusura della stagione 2019-20. Nella giornata di ieri oltre il 70% delle società iscritte ai campionati nazionali di calcio a 5 maschile e femminile hanno deciso congiuntamente di inviare altrettante comunicazioni via pec alla Divisione Nazionale Calcio a 5.
Il testo prevede la richiesta di rendere definitiva la sospensione dei campionati 2019-20, bloccati dal primo marzo per Covid-19. Le società ritengono che si sia atteso davvero troppo e che divenga a questo punto urgente non rimandare oltre questa decisione.  Non un caso che altri sport assimilabili al futsal per utilizzo d’impiantistica indoor, come pallavolo, pallacanestro e pallamano, abbiano già da molto tempo dichiarato conclusa la stagione.
A questo la stragrande maggioranza di società ha aggiunto la richiesta di rimborso di parte delle spese d’iscrizione per l’attività sportiva non svolta e la restituzione della fidejussione bancaria. Al Presidente Montemurro la palla che scotta sotto i piedi

Anche RIETI, CAME, PESARO, A&S e SANDRO ABATE…. hanno deciso di fermarsi perché non interessati ad alcun tipo di “giochi di potere”

Nella giornata di venerdì 17 aprile c.a., si è tenuta una conference call alla quale hanno preso parte i presidenti delle società Italservice Pesaro, Acqua&Sapone, Real Rieti, Came Dosson e Sandro Abate, vale a dire i cinque club che avevano dato la loro disponibilità alla prosecuzione della stagione 2019/2020.

Ma le scriventi, constatate le divergenze tra i vari consiglieri del Direttivo hanno deciso di fermarsi qui perché non interessati ad alcun tipo di “giochi di potere” che danneggia l’immagine di questo sport e non porta rispetto a chi fa enormi sacrifici a chi fa del tutto per portare avanti il movimento.

Va da sé, però, che le stesse presenteranno la loro domanda di partecipazione alla stagione 2020/2021 solo a determinate condizioni:

– controllo scrupoloso di garanzia sull’ammontare dei contratti depositati in Divisione;

– controlli periodici sui pagamenti degli emolumenti mensili da parte degli organi preposti;

– una serie A con un numero di squadre partecipanti NON superiori alle 16 unità;

– aumento dell’ammontare della garanzia fideiussoria od incremento della tassa d’iscrizione.

“In quanto uomini di sport, sempre pronti a sostenere una disciplina che già di per sé deve fare i conti con una serie di problematiche, un numero considerevole di pregiudizi, oltre all’impossibilità di avere una Lega propria, i presidenti delle cinque società sopracitate puntualizzano – a scanso d’equivoci – che è legittimo in questo momento dare priorità alla salvaguardia della salute dei calcettisti, ma ritiene altresì prematuro ed affrettato l’atteggiamento assunto da determinate realtà, che ancor prima di analizzare l’andamento dell’emergenza sanitaria e la sua evoluzione complessiva, hanno scelto la strada della chiusura anticipata”.

Rieti, lì 18 aprile 2020​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ LE PROPRIETA’

​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ Lorenzo PIZZA (Italservice Pesaro)

​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ Roberto PIETROPAOLI (Real Rieti)

​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ Alessandro ZANETTI (Came Dosson)

​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ Massimo Abate (Sandro Abate Avellino)

​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ Nando BARBAROSSA (Acqua&Sapone Unigross)

MR.BETTELLI del VIS GUBBIO: “Soddisfazione per questa stagione e allo stesso tempo rammarico…..supereremo questa situazione difficile e torneremo in campo ma solo se avverrà in massima sicurezza. La Divisione venga incontro alle società “

Settimane fermi con pensieri più grandi e difficili da affrontare. Ma nel tempo che ci costringe a casa ovviamente non si può non fare un pensiero al nostro calcio a 5. Soprattutto chi lo vive quotidianamente sul campo come il Mister MARCO BETTELLI, allenatore della VIS GUBBIO squadra del raggruppamento D della serie B che al momento dello stop era seconda in classifica con due punti in meno della grande favorita il Prato c5. Gli umbri stavano tenendo un passo straordinario da inizio stagione. Ecco le sue parole nella nostra intervista

Buongiorno Mister Bettelli……come sta vivendo a livello personale questo periodo cosi difficile?

BETTELLI: “Inanzi tutto grazie per l’opportunità che mi date di poter parlare di calcio a 5 e spostare la testa, distrarmi qualche minuto da quella che è ormai una routine con la quarantena che stiamo vivendo. Dal punto di vista fisico sto bene, fortunatamente la nostra zona è meno bersagliata rispetto ad altre anche se ci sono alcuni casi e l’allerta è sempre alta….chiaramente rispetto quelle che sono le normative con la speranza che serva a ripartire quanto prima con una vita che si avvicini più possibile con la normalità.”

Un campionato interrotto dove il suo Vis Gubbio era secondo a due punti dal Prato…. Quanto rammarico per una stagione di grandissimo livello da parte vostra?

BETTELLI: “Un misto tra rammarico e soddisfazione..perché quest’anno abbiamo fatto una crescita importante non solo dal punto di vista legato alla classifica ai risultati in campo. Tengo a precisare che il nostro obiettivo era centrare i play off e assolutamente non quello di vincere il campionato. La rosa inizialmente comprendeva anche un altro argentino Sanchez, che è tornato in patria prima di iniziare il campionato per problemi personali e abbiamo deciso di non sostituirlo. C’è grande soddisfazione per quello che stavamo creando perché partendo dal settore giovanile abbiamo già dall’anno scorso fatto grandi cose, finalisti con l’under 15 dell’atletico Gubbio eliminati dal Bologna…..l’under 19 quest’anno ha già vinto il suo girone e sta ad un passo da quella che sarebbe stata la final eight di Coppa avendo battuto all’andata il Corinaldo 7-1. Ci tenevamo tanto a poter vivere questa avventura e disputarla. La prima squadra ha fatto molto bene, vincendo tante partite perdendone solo 3….due in modo scriteriato e una in modo immeritato sul campo che però ha determinato poi una crescita e siamo usciti dalla Coppa “

Crede nella possibilità di poter ripartire e terminare i campionati o dall’altro della sua esperienza crede che possano esistere delle soluzioni diverse per definire promozioni e quanto altro?

BETTELLI: “Sarebbe un sogno poter ripartire…..bisogna vedere le condizioni nella quale poter ripartire. Io credo che possa esserci la possibilità di ripartire anche perché le giornate da giocare sono anche poche, e sarebbe un peccato non terminare i campionati. Magari si potrebbe evitare la coda dei playoff che quest’anno sarebbe stata particolarmente lunga….,ma queste sono tutte supposizioni. Non credo che ci possano essere altre soluzioni per determinare promozioni e retrocessioni, l’unica è quella di terminare i campionati. Ci può essere un’altra soluzione alternativa in caso di emergenza, quella dei playoff tra le prime quattro e play out per le ultime due che nel nostro girone sarebbe veritiera…..perché credo che la vincente nel nostro girone si sarebbe decisa nello scontro diretto tra noi e il Prato. Credo che anche la formula dei playoff a quattro avrebbe dato la possibilità alle prime due di giocarsi la vittoria finale. Se questo non fosse possibile credo che sarebbe giusto ripartire la prossima stagione senza promozioni e retrocessioni quest’anno, perché ad oggi nessuna squadra ha dimostrato di essere nettamente più forte delle altre e lo scarto di punti cosi minimo conferma questa mia teoria. Spero di poter tornare a giocare altrimenti sarebbe giusto il prossimo anno ripartire cosi con la Divisione che venisse incontro alle società che hanno affrontato delle spese che sono poi valse a nulla.”

Come sta il gruppo e state adottando modalità di allenamento diverse per tenervi in forma nell’eventualità si potesse ripartire?

BETTELLI: “I ragazzi si stanno allenando individualmente, quando ci siamo fermati venivamo dalla vittoria contro la Sangiovannese e avevamo evidenziato uno stato di forma eccellente dopo un periodo di flessione che aveva coinciso con la sconfitta di Poggibonsi dettata da un problema mentale e anche nella vittoria col Cus Ancona la squadra dal punto di vista fisico non era apparsa brillante. A San Giovanni invece dopo un lavoro specifico avevamo ritrovato brillantezza. I ragazzi comunque dimostrano di essere professionali. Questa generazione, a dispetto dei calciatori di generazioni passate anche per via del lato estetico dimostrano di tenerci al proprio stato fisico. Io ho mandato un piccolo lavoro da svolgere in quattro sedute settimanali tra le mura di casa e loro mi mandano anche dei video di quello che fanno confermando la voglia che hanno di mantenersi pronti nel caso in cui si ripartisse. Credo comunque che nel caso in cui si ripartisse, la Divisione dovrebbe concedere una settimana dieci giorni per lavorare col gruppo prima di ripartire.”

Come si è mossa la società con quei ragazzi che vengono da fuori?

BETTELLI: “Ogni società si è mossa ritenendo più opportuno fare ciò che ha fatto. Noi non solo dal punto di vista sportivo ma soprattutto umano abbiamo ritenuto che i ragazzi potessero essere più a rischio se li avessimo fatti viaggiare. Comunque da qua sarebbe stato opportuno prendere un treno e poi andare in aeroporto per raggiungere il proprio paese. Abbiamo preferito che rimanessero a Gubbio. Poi sono solo due perchè Wagner si è stabilito a Gubbio con la famiglia e possiamo considerarlo eugubino come noi. Cresto e Di Fonzo hanno accettato questa soluzione di buon grado perché a Gubbio stanno bene, non gli manca niente sono seguiti dalla società e dal medico e sono inseriti nel tessuto cittadino. Quindi non corrono alcun rischio se mantengono le regole richieste dal Governo. Quando la situazione sarà migliore e avranno la possibilità di tornare dalle loro famiglie che giustamente sono preoccupate lo faranno. Va detto che le notizie che arrivano all’estero ovviamente sono generali mentre come già detto nella nostra regione con le dovute attenzioni non si corrono particolari rischi. Ci tengo a dire che non critichiamo chi ha fato valutazioni diverse, noi abbiamo dato priorità al fatto di non metterli a rischio nell’affrontare un viaggio con treni e aerei.”

Quale è il tuo augurio e la raccomandazione che vuoi mandare a chi ci segue?

BETTELLI: “Il mio augurio ovviamente è quello di poter tornare a fare ciò che più ci piace quindi l’allenamento, condividere lo spogliatoio, ridere e scherzare con persone con cui stiamo bene. Di conseguenza tornare a giocare. Per fare questo bisogna fare dei sacrifici e rispettare le restrizioni che ci ha imposto il governo per poter debellare questo male quanto prima e tornare ad una situazione normale. Ringrazio il vostro sito e te personalmente Alessio, perché continui a dare la possibilità di parlare di calcio a 5 spostando anche i pensieri a quelle che sono le notizie di ogni minuto su questa grave situazione. Faccio un saluto grande a tutte le società del nostro girone, con la quale siamo nemici in campo ma che non abbiamo mai avuto problemi fuori dal campo, in un girone che a noi piace tantissimo con il giusto far play sperando di tornare presto in campo sempre che questo avvenga con le dovute sicurezze.”

FUTSAL TERNANA – Battuto il Cannara, la promozione in B è sempre più vicina


Ternana Futsal-R. Cannara 5-2 ( p.t. 0-1 )

Futsal Ternana: Galletti F., Capotosti S. (cap.), Almadori, Trapasso, Introppico. A disp.: Fagotti, E.Giardini, Gubbiotti, Florio, Cozzolino, Costantini, Picotti, Coppari, Piantoni. All.: Alessio Pucci (squal. Federico Pellegrini)

Real Cannara: Menichelli, Pettinelli, Mignini (cap.), Belia, Crescimbeni. A disp.: Emanueli, Faleo, Mariotti, Mercorella, Rencricca, Morici, De Negris. All.: Simone Valeri

Marcatori: Pettinelli (rig.)(R.Cannara), Almadori, Introppico, Eddy Giardini, Trapasso e Capotosti ( F Ternana )

Arbitri: Virginia Casalicchio di Orvieto e Luca Benedetti di Foligno.

Ammoniti: Introppico (F.Ternana) e Morici (R.Cannara).

È stata una partita scorbutica, contro una squadra scorbutica che ha reso la vita dura alla Futsal Ternana che addirittura ha chiuso il primo in svantaggio per 1-0.
Squadra nel primo tempo sotto ritmo, senza idee e con gambe pesanti perché Pellegrini vuol arrivare a giocarsi la Coppa Italia in perfette condizioni fIsiche per cui il lavoro settimanale, è alquanto duro e condiziona il rendimento della formazione. Da segnalare che la finale è stata rimandata al mese di Marzo.
Meglio nella ripresa, i rossoverdi, che pareggiano poco dopo l’inizio con Almadori il gol del vantaggio di Pettinelli su rigore, passano in vantaggio con Introppico e dopo il pari ancora di  Pettinelli i rossoverdi allungano con le reti di Eddy Giardini, Trapasso e Capotosti migliorando anche nel palleggio negli ultimi 10 minuti.
Nonostante il portiere di movimento degli ospiti la Ternana riesce a portare a casa la diciannovesima vittoria e i punti di vantaggio in classifica sulla seconda salgono a 11 visto che la Gadtch 2000 è stata sconfitta a Norcia con il punteggio di 5-3.
Ora mancano più 4 punti al raggiungimento dell’obiettivo, quello della promozione in serie B.
Quello che fino a qualche settimana fa sembrava un sogno pian piano si sta trasformando in una bella e magnifica realtà.
Da segnalare che Pellegrini ha assistito dalla tribuna al match a causa della giornata di squalifica.
“ Non sono contento per il primo tempo disputato dai ragazzi ma il duro lavoro a cui stiamo sottoponendo la squadra giustifica la brutta prestazione dei primi 30 minuti.
Con il passare dei minuti-afferma Pellegrini- le gambe si sono sciolte ed anche le idee sono diventate più chiare ed il gioco è migliorato, ma quello che più conta è che nella ripresa il risultato è cambiato nettamente a nostro favore. Incominciamo a vedere il traguardo e non dobbiamo avere cali di tensione perché non possiamo gettare al vento i sacrifici di un’intera stagione”.

ASD FUTSAL TERNANA

Ufficio Stampa

FUTSAL TERNANA…. Le tante assenze mettono a dura prova i rossoverdi che vincono all’ultimo minuto

Terni 15 febbraio 2020

PONTE SAN LORENZO- FUTSAL TERNANA 2-3 ( 1° T  1-2 )

Ponte San Lorenzo: Di Antonio, De Santis, Rossi, Castrichini, Fiorucci. A disp.: Belli, Cioccoletta, Vitale, Garofoli, Renzi, Novelli, Busti, Grillo, Bongarzone. All.: Mirco Marchettini

Futsal Ternana: Fagotti, Capotosti (cap.), Costantini, Almadori, Picotti. A disp.: Galletti, Canestrini, Bonelli, Gubbiotti, Cozzolino, Florio, Piantoni, Coppari. All.: Federico Pellegrini

Marcatori: 1T Picotti e Almadori (F.Ternana), Vitale (P.S.Lorenzo); 2T Novelli ( P. S.Lorenzo ) Almadori ( F. Ternana )

Arbitri: Marchetta di Perugia e Favorini di Foligno.

Ammoniti: Almadori, Florio e Fagotti (F.Ternana), Novelli (P.S.Lorenzo)

Espulsi: Pellegrini (F.Ternana) per proteste

La Futsal Ternana soffre ma riesce proprio all’ultimo minuto a portare a casa l’intera posta in palio. La squadra rossoverde sta accusando le assenze di Paolucci, Introppico, Eddy e Daniele Giardini, Trapasso , tutti giocatori importanti per l’economia del gioco della squadra rossoverde.

Nel primo tempo la Ternana, in netta difficoltà sul terreno in sintetico, è passata in vantaggio con Picotti, sceso in campo febbricitante, ed è riuscita a raddoppiare con Almadori. Prima della fine del primo tempo la squadra di casa ha accorciato le distanze con Vitale.

Nella ripresa il Ponte San Lorenzo in uno dei pochi tiri effettuati ha trovato il pari con Novelli, ma la squadra rossoverde non ha mai rinunciato ad attaccare per puntare ai tre punti seppur in difficoltà.

La  formazione di casa, però, a 7 minuti dalla fine ha avuto l’opportunità di complicare la partita ai rossoverdi con la battuta di un tiro libero, calciato da Garofoli, ma è stato bavo Fagotti ad intercettare il pallone. Mentre tutto lasciava presupporre che la partita potesse terminare sul punteggio di parità Almadori in un ripartenza si inventava, con una preziosa giocata ed un altrettanto prezioso tiro in diagonale,  il terzo gol che regalava la vittoria ai rossoverdi.

Da segnalare l’espulsione di Federico Pellegrini per proteste.

In classifica le cose non cambiano vista la vittoria della Gadtch 2000;  restano sempre 8 i punti di vantaggio sulla squadra perugina.

Venerdì prossimo appuntamento al Paladivittorio alle 21.15 per affrontare il Cannara calcio a 5. Ingresso gratuito.

Ufficio Stampa

ASD Futsal Ternana