L’ ACQUA E SAPONE E’ LA PRIMA FINALISTA PER LO SCUDETTO. BATTUTO IL REAL RIETI

La squadra di Tino Perez passa 4-1 al PalaMalfatti in gara-2 delle semifinali scudetto. Sarà quindi l’ Acqua&Sapone Unigross la prima finalista in attesa del derby veneto tra Luparense e Came Dosson. Gli abruzzesi sbloccano subito l’incontro, con una punizione di Edgar Bertoni. Il Rieti è fermato da Mammarella che devia in angolo una  conclusione da fuori di Sergio Romano. Poi sale in cattedra Joaozinho. Murilo in ripartenza colpisce un palo e dopo è Bocao con un morbido tocco sotto su Leandro Garcia Pereira in uscita a trovare la rete. Bellarte fa salire Leandro Garcia Pereira a metà campo, giocando 5 vs 4, ma l’Acqua e Sapone attuano una grande fase difensiva e un Mammarella para tutto fa terminare il primo tempo senza altri brividi. Nella ripresa stesso copione. Arriva la rete del 3-0 per gli abruzzesi con Jonas. Il Rieti non molla e continua a giocare. Caetano trova la rete del 3-1 , con il portiere ancora sopra la metà campo Bellarte tenta di riaprire la gara ma Mammarella è fenomenale e  svetta un’altra occasione del Real Rieti  con PaulinhoBellarte prova  anche con Paulinho e Schininà portiere di movimento, ma a 1’41” dalla fine Gabriel Lima realizza il 4-1 finale.L’Acqua&Sapone è  in finale scudetto.

REAL RIETI-ACQUA&SAPONE UNIGROSS 1-4 (0-2 p.t.)
REAL RIETI: Garcia Pereira, Paulinho, Joaozinho, Caetano, Rafinha, Esposito, Corsini, Schininà, Betao, Romano, Nicolodi, Lupinella. All. Bellarte

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Lima, Murilo, De Oliveira, Bertoni, Bordignon, Calderolli, Lukaian, Bocao, Coco, Jonas, Casassa. All. Perez

MARCATORI: 2’37” p.t. Bertoni (A), 8’45” Bocao (A), 2’15” s.t. Jonas (A), 3’57” Caetano (R), 18’19” Lima (A)

AMMONITI: De Oliveira (A), Joaozinho (R), Caetano (R)

Riscatto Italia, battuta 2-1 l’Ucraina. Menichelli: “Prova convincente, fiducioso per il futuro”

Con una prestazione di alto profilo l’Italfutsal riscatta la sconfitta di
ieri battendo l’Ucraina per 2-1 al temine di un confronto intenso e condotto con grande
determinazione per tutto l’arco dei 40’ di gioco. Una vittoria in rimonta per i ragazzi di
Roberto Menichelli, ottenuta grazie alle reti di Merlim e Calderolli realizzate nella prima
frazione di gioco dopo che i padroni di casa avevano aperto le marcature con Bilotserkyvets
nei minuti iniziali.
Rispetto alla gara di ieri Menichelli presenta alcune novità nel quintetto di partenza
schierando tra i pali Molitierno e inserendo il giovane Baron. Il confronto inizia su ritmi
blandi, con i padroni di casa a impostare le trame di gioco e l’Italia ad attendere sorniona
nella propria metà campo alla ricerca di soluzioni efficaci in grado di vanificare il pressing
alto degli avversari. Il primo squillo arriva già al 2’ minuto con un secco rasoterra dalla
diagonale sinistra di Korsun controllato senza problemi dall’ottimo Molitierno. Sono gli
Azzurri però a rendersi pericolosi con accelerazioni improvvise e lanci lunghi dalla propria
metà campo che mettono in difficoltà la difesa gialloblu. Calderolli al 3’ conclude di poco a
lato su invito di Schininà, ma è l’Ucraina poco dopo a passare in vantaggio con Bilotserkyvets
bravo nel sorprendere l’estremo difensore azzurro sul primo palo sugli sviluppi di un calcio di
punizione. La gara sale di intensità, l’Italia con pazienza cerca e trova le soluzioni per forzare
il blocco difensivo ucraino: al 6’Lima sfugge al controllo del diretto avversario e si invola sulla
sinistra, assist in diagonale per Schininà che fallisce l’impatto e una ghiotta occasione. La
reazione dei padroni di casa è immediata con Lysenko a rendersi pericoloso in due occasioni
sventate in extremis da Lima e De Oliveira. Sul filo dei minuti però l’Italia acquisisce fiducia
sino a raggiungere il meritato pareggio al 12’ con un tiro violento di Merlim indirizzato sotto
l’incrocio alla sinistra dell’incolpevole Lytvynenko. L’intensità difensiva degli Azzurri sale
ulteriormente e vanifica le velleità offensive dei padroni di casa che tre minuti dopo debbono
nuovamente capitolare: angolo dalla destra per Lima, rasoterra del capitano a tagliare in area
dove Calderolli è lesto ad anticipare il diretto avversario e deviare di prima in rete. Sulla
rimessa in gioco, Zhurba tenta di sorprendere, senza esito, l’attento Molitierno con un tiro da
quasi metà campo, quindi è Romano, sul rovesciamento di fronte, a fallire il terzo gol
sparando sul portiere in uscita un delizioso invito di Merlim.
Nella ripresa il confronto sale ulteriormente di livello sia sul piano tecnico che agonistico:
l’Italia controlla con grande sicurezza la manovra chiudendo tutte le possibili traiettorie di passaggio nella propria metà campo, per recuperare palla e insidiare la porta avversaria con
ripartenze rapide e incisive. De Oliveira mette sotto pressione la porta avversaria costringendo
Lytvynenko a due interventi decisivi in successione(4’) e successivamente calciare di poco a
lato su conclusione da palla inattiva. L’efficacia tattica dell’impostazione difensiva dell’Italia
vanifica la reazione di un’Ucraina comunque mai doma, ma che con lo scorrere dei minuti
finisce per accusare la mancanza di concretezza nelle soluzioni offensive. A pochi minuti dal
termine i padroni di casa mancano clamorosamente di sfruttare l’unica, vera disattenzione
difensiva della retroguardia italiana su una palla vagante in area che Pediash non sfrutta a
dovere. Kosenko tenta allora senza esiti apprezzabili la carta del portiere di movimento, ma
sono ancora gli Azzurri a sfiorare la marcatura ancora con Merlim e De Oliveira,
controllando la gara con autorevolezza sino al fischio finale.
Sono molto soddisfatto della prestazione complessiva – è l’analisi di Roberto Menichelli
una gara ben giocata che riscatta il match di ieri dove ha pesato la responsabilità per i gol
subiti in avvio, nonostante l’attenuante delle due espulsioni. Oggi la squadra si è espressa
veramente su ottimi livelli tecnici e mentali, è rimasta sempre compatta mostrando attenzione
e carattere in tutte le fasi dell’incontro, elementi che ci hanno consentito di recuperare lo
svantaggio e prendere in mano la situazione. Abbiamo impiegato tutti gli effettivi a
disposizione – sottolinea il Ct – i gol sono scaturiti su situazioni da palla inattiva ben lavorate
in fase di preparazione e questo fa particolarmente piacere. Sapevamo delle difficoltà di
questo impegno: qui la Spagna ha pareggiato e vinto – ricorda il tecnico azzurro – Perdere di
misura il primo confronto per poi riscattarsi in questa maniera è una bella iniezione di fiducia
per una squadra dal volto diverso che prova a mettere in campo valori importanti. Adesso –
conclude il Ct – faremo le necessarie valutazioni per comporre la rosa che porteremo
all’Europeo”.
Siamo entrati in campo più concentrati e consapevoli rispetto a ieri – dichiara Calderolli,
autore del gol decisivo – senza farci condizionare dal loro vantaggio iniziale. Questo ci ha
consentito di riprendere la partita in mano e trovare un necessario adattamento alla loro
difesa per uscire dal pressing con un palleggio efficace alla distanza. Sono una squadra forte,eravamo alla ricerca di un riscatto e ce lo siamo preso con merito.”

PROVE D’EUROPEO: AZZURRI BATTUTI IN AMICHEVOLE DALL’UCRAINA. LIMA: “TEST UTILE PER CRESCERE”

Prove d’Europeo per la Nazionale di Futsal, sconfitta 3-2 dall’Ucraina nella prima delle due amichevoli disputata nel pomeriggio a Kharkiv. A poco meno di due mesi dall’appuntamento con la Fase Finale del Campionato Europeo di Slovenia 2018, dove l’Italia esordirà con la Serbia il 1° febbraio, la squadra di Menichelli fa le prove generali contro un’altra delle 12 finaliste del torneo continentale. Un match equilibrato e con tante interruzioni, caratterizzato dalle espulsioni di Merlim e DeLuca e con l’Italia costretta sempre a rincorrere, ma capace per due volte di rientrare in partita e vicina nel finale ad un pareggio che sarebbe stato forse il risultato più giusto.

Al Palace of Sport ‘Lokomotiv, che domani ospiterà anche la seconda amichevole tra le due nazionali (ore 18.30 locali, le 17.30 italiane), l’inizio è tutto in salita, con Razuvanov che dopo pochi secondi si libera con una giocata di suola della marcatura di Ercolessi e batte il rientrante Mammarella. Le due squadre si affrontano a viso aperto e al 5’ l’Ucraina trova il raddoppio grazie ad uno schema su calcio piazzato: Zhurba tocca per Korolyshyn, che da posizione defilata trova l’incrocio dei pali. L’Italia perde Merlim per espulsione e, dopo aver rischiato di subire il 3-0, accorcia le distanze al 15’ con Schininà, ma a due minuti dalla fine del primo tempo i padroni di casa allungano ancora grazie a Zhurba, che con un diagonale dalla distanza supera di nuovo Mammarella. Gli Azzurri non demordono e prima Lima e poi Romano impegnano il portiere ucraino, anticipando quello che sarà il copione del secondo tempo.

Nella ripresa, infatti, l’Italia parte subito forte e in apertura Ercolessi finalizza una bella ripartenza con un sinistro che si insacca sotto la traversa. Al 7’ il pareggio sembra cosa fatta, ma lo splendido destro a giro dalla distanza di capitan Lima si stampa sull’incrocio dei pali. La partita è equilibrata, gli Azzurri sfiorano il 3-3 con un destro di Schininà deviato in angolo dal portiere e, trenta secondi più tardi, Grytsyna con un pregevole tocco sotto scavalca Mammarella e manda il pallone sul palo. A 3’ minuti dalla fine un altro episodio chiave: De Luca viene travolto in area dal portiere ucraino, ma l’arbitro non concede il penalty, vede invece una simulazione e ammonisce per la seconda volta il laterale del Napoli. Con l’uomo in meno l’Italia rischia di subire il 4-2, Mammarella si supera in un paio di occasioni e Razuvanov si divora il gol che chiuderebbe la partita. E così all’ultimo minuto Menichelli si gioca il tutto per tutto inserendo prima Lima e poi Calderolli come portieri di movimento e, a venti secondi dalla sirena, per poco Ercolessi non trova il gol del 3-3.

“Non abbiamo giocato un gran primo tempo – l’analisi di Gabriel Limail gol subito all’inizio ci ha un po’ condizionati, ma siamo riusciti ad accorciare per due volte il risultato sfiorando il pareggio”. Proprio il capitano azzurro con un gran destro a giro è andato vicinissimo al gol del 3-3: “Non siamo stati fortunati e anche le due espulsioni sono un fatto singolare visto che era un’amichevole. Comunque va bene così, test come questo, con avversari di valore, aiutano a crescere e ci permetteranno di arrivare al top della condizione all’Europeo”.

Dal sito www.figc.it

L’ Italservice Pesaro ancora vincente, battuto il Kaos.

Vince l’Italservice Pesaro, che batte il Kaos Reggio Emilia e resta a punteggio pieno. La squadra di Diaz  ottiene la seconda vittoria su due gare giocate nel massimo campionato.

L’Italservice parte contratta per poi decollare. Dall’altra parte il Kaos appare stanco dopo aver giocato tre partite in sette giorni.

Nel primo tempo la squadra di Ramiro Diaz va all’intervallo sul doppio vantaggio, grazie ai sigilli di Marcelinho e Manfroi.

Nella ripresa la squadra di Juanlu rientra in partita  grazie all’autorete di Curri, ma Asensio riporta i neopromossi  sul doppio vantaggio; ancora Kaos con la rete del 3-2  bomber Fits, arrivato a 5 reti,  ma il Pesaro difende il prezioso vantaggio e raggiunge quota 6 punti.

Un altro successo molto importante per la matricola del presidente Lorenzo Pizza.

ITALSERVICE PESARO-KAOS REGGIO EMILIA 3-2
ITALSERVICE PESARO: Guennounna, Tonidandel, Manfroi, Marcelinho, Cesaroni,
 Ugolini, Asensio, Curri, Stringari, Lamedica, Boaventura, Miraglia. All. Diaz

KAOS REGGIO EMILIA: Molitierno, Titon, Fits, Avellino, Pulvirenti, Garrido, Tuli, Schininà, Fusari, Dudù Costa, Kakà, Timm. All. Juanlu

MARCATORI: 7’41” p.t. Marcelinho (P), 11’25” Manfroi (P), 1’34” s.t. aut. Curri (P), 6’19” Asensio (P), 14’55” Fits (K)

AMMONITI: Avellino (K), Kakà (K), Tuli (K), Cesaroni (P)

SPETTACOLO PLAY OFF: ai quarti solo la LUPARENSE, le altre tutte a gara3

Emozioni a non finire nelle gare di ritorno dei Play off.

Tre gare su quattro dei quarti di finale del campionato di Serie A di calcio a 5 andranno allo spareggio che si giocherà sabato sera.

Su tutte brilla la stella di Piero Basile e la sua Axed Group Latina che al Pala Rigopiano di Pescara batte gli uomini di Colini.

I nerazzurri battono 2-1 i vincitori della regular season, grazie a una splendida prestazione.

Una vittoria che alla vigilia sembrava impossibile e invece i pontini hanno realizzato con pieno merito.

Partita noiosa nel primo tempo data anche dal fatto che il Latina gioca dal primo minuto con il portiere di movimento. Nella ripresa il gioco è più vivace e la gara viene sbloccata da Battistoni, ma dopo un minuto il Pescara trova il pareggio con Morgado. Il giocatore pescarese è croce e delizia della serata perché poco dopo si fa espellere cambiando le sorti del match.

A circa due minuti dal termine infatti il Latina trova il goal del vantaggio su autogoal di Salas che porta la serie a gara 3

Finisce in parità la gara fra Lollo Caffè Napoli e Ma Group Imola.

Partita bellissima e piena di emozioni con il Napoli avanti di due goal nei primi otto minuti di gara con le reti di Crema, De Luca. L’ Imola riesce ad accorciare le distanze con Jelavic, ma la squadra di Cipolla si riporta sul doppio vantaggio con la rete di Fornari che chiude il primo tempo sul 3-1.

Nella ripresa è ancora Fornari ad andare in goal portando i partenopei in vantaggio addirittura di tre goal.

Quando la gara sembrava archiviata gli uomini di Vanni Pedrini invece compievano l’impresa rimontando e passando in vantaggio con le reti di Revert Cortes, Napoletano, Jelavic e Castagna.

Ad un minuto dal termine e a salvare la Lollo Caffè Napoli ci pensa il solito Crema che bissa il  pareggio dell’andata e porta la serie a gara 3.

Vince l’Acqua&Sapone Unigross che batte 2-0 la Cioli Cogianco e porta anche qui la sfida alla gara decisiva. I goal sono stati realizzati da Lima e Jonas nel primo tempo

L’ultima gara invece decreta il passaggio del turno della Luparense che batte il Kaos per 6-4 rischiando un po dopo aver concluso il primo tempo sul 4-1 con reti di Mancuso, Bertoni e Honorio e l’autogoal di Titon alle quali ha risposto solo la rete di Saad. Nella ripresa invece il kaos impensieriva a più riprese la Luparense ma la doppietta di Mancuso (tre reti totali nel match) fermavano le velleità della squadra di Andrejic che era andata a segno con la doppietta di Fernandao e la rete di Ercolessi.

 

Questi i tabellini dei match:

LUPARENSE-KAOS FUTSAL 6-4 (3-1 p.t.)

LUPARENSE: Morassi, Taborda, Honorio, Bertoni, Mancuso, Kovacevic, Tobe, Lara, Coco, Brandi, Khouc, Miarelli. All. Marin

KAOS FUTSAL: Putano, Saad, Tuli, Ercolessi, Fernandao, Nora, Schininà, Titon, Salas, Di Guida, Peric, Timm. All. Andrejic

MARCATORI: 2’14’’ p.t. Mancuso (L), 2’55’’ Saad (K), 13’18’’ Bertoni (L), 18’55’’ aut. Titon (K), 0’57’’ s.t. Honorio (L), 2’28’’ Ercolessi (K), 13’05’’ Fernandao (K), 15’29’’ Mancuso (L), 17’47’’ Fernandao (K), 19’51’’ Mancuso (L)

 

PESCARA-AXED GROUP LATINA 1-2 (0-0 p.t.)

PESCARA: Capuozzo, Salas, Morgado, Rosa, Duarte, Leggiero, Tenderini, Cuzzolino, Azzoni, Borruto, Chimanguinho, Pietrangelo. All. Colini

AXED GROUP LATINA: Chinchio, Corso, Battistoni, Avellino, Maina, Simeone, Di Rita, Pica Pau, Terenzi, Amoedo, Landucci. All. Basile

MARCATORI: 5’21’’ s.t. Battistoni (L), 6’07’’ Morgado (P), 18’16’’ aut. Salas (P)

AMMONITI: Morgado (P)

 

ACQUA&SAPONE UNIGROSS-CIOLI COGIANCO 2-0 (2-0 p.t.)

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Ruiz, Lima, De Oliveira, Jonas, Bordignon, Romano, Rocchigiani, Murilo, Zanella, Lukaian, Casassa. All. Ricci

CIOLI COGIANCO: Molitierno, Fusari, Mazoni, Paulinho, Fits, Ippoliti, Vinicius, Brizzi, Vizonan, Raubo, Pol Pacheco, Basile. All. Juanlu

MARCATORI: 3’04’’ p.t. Lima (A), 13’10’’ rig. Jonas (A)

 

LOLLO CAFFE’ NAPOLI-MA GROUP IMOLA 5-5 (3-1 p.t.)

LOLLO CAFFE’ NAPOLI: Garcia Pereira, Bocao, De Luca, Manfroi, Fornari, Botta, Milucci, De Bail, Andrè, Crema, Molaro, Pasculli. All. Cipolla

MA GROUP IMOLA: Juninho, Jelavic, Revert Cortes, Marcio Borges, Castagna, Matteuzzi, Fabinho, Napoletano, Trerè, Tedesco. All. Pedrini

MARCATORI: 4’04’’ p.t. Crema (N), 8’54’’ De Luca (N), 11’20’’ Jelavic (I), 13’43’’ Fornari (N), 2’39’’ s.t. Fornari (N), 4’33’’ Revert Cortes (I), 6’20’’ Napoletano (I), 16’20’’ Jelavic (I), 18’23’’ Castagna (I), 18’48’’ Crema (N)

AD ARZIGNANO E UNA BELLITALIA – 3 a 0 alla CROAZIA. Oggi si replica a Villorba

Le due sconfitte in trasferta  contro la Croazia hanno suscitato un po di delusione ma anche una reazione di orgoglio  sul campo, battendo 3-0 la Serbia di fronte agli oltre 1000 spettatori del PalaTezze di Arzignano. Accade  tutto nel primo tempo,  doppietta di De Oliveira e il gran goal dalla distanza di Merlim. Nella ripresa  il forcing finale serbo con il portiere di movimento rimane sterile. Oggi si replica al PalaTeatro di Villorba (ore 19.30, sempre diretta streaming). In campo inizia bene la Serbia, pericolosa con Kocić e Perić. Il vantaggio italiano  arriva al 6′ su rimessa laterale battuta da Bordignon, che libera De Oliveira tutto solo in area davanti al portiere, pallonetto e 1-0. Il raddoppio nasce da Lima che  taglia tutto il campo con un passaggio per Boaventura, che approfitta dell’uscita del portiere croato , lo supera e serve una palla al bacio a De Oliveira, che appoggia facilmente in rete per  la doppietta personale. Il 3-0 lo realizza Merlim che con un destro fulmineo che manda i suoi al riposo sul triplo vantaggio. Nella ripresa  l Italia  si fa vedere dalle parti Croate  con un calcio di punizione che porta al tiro Manfroi. Poco più tardi ci prova Castagna . Il risultato non si sblocca e a 3′ dalla fine la Serbia inserisce Kocić portiere di movimento. Ma l attacco croato è sterile.

 

ITALIA-SERBIA 3-0 
ITALIA: Molitierno, Ercolessi, Lima, Boaventura, Castagna, Bordignon, De Oliveira, Fusari, Manfroi, Merlim, Murilo, Schininà, Terenzi, Chinchio. Ct. Menichelli

SERBIA: Momčilović, Perić, Kocić, Simić, Rajcević, Ramić, Rakić, Milosavać, Matijević, Stanković, Tomić, Lazarević, Filipović, Stojković. Ct. Ivancić

MARCATORI: 5’30” p.t. De Oliveira, 9’56” De Oliveira, 15’07” Merlim

ITALIA – I 19 convocati di Menichelli e il programma per il poker di sfide con Croazia e Serbia

Il commissario tecnico della Nazionale di futsal, Roberto Menichelli, ha convocato 19 giocatori in vista dei prossimi impegni che vedranno l’Italia protagonista di quattro gare amichevoli: le prime due in Croazia, a Zara, giovedì 26 e venerdì 27 gennaio, le altre contro la Serbia al PalaTezze di Arzignano (lunedì 30 gennaio, ore 20.30) e al PalaTeatro di Villorba (martedì 31 gennaio, ore 19.30).

La squadra si radunerà a  Roma lunedì 23 gennaio, per poi partire il giorno dopo per  Spalato, per le due gare contro la Croazia . Il gruppo  si trasferirà sabato 28 gennaio a Udine, per i due test contro la Serbia.

 

ECCO I CONVOCATI

PORTIERI: Francesco MOLITIERNO (Cioli Cogianco), Simone CHINCHIO (Axed Group Latina), Giuseppe MICOLI (Real Rieti)

GIOCATORI DI MOVIMENTO: Marco BOAVENTURA (Came Dosson), Andrei BORDIGNON (Acqua&Sapone Unigross), Mauro CASTAGNA (Ma Group Imola), Paolo CESARONI (Real Rieti), Manoel CREMA (Lollo Caffè Napoli), Julio DE OLIVEIRA (Acqua&Sapone Unigross), Marco ERCOLESSI (Kaos Futsal), Giuliano FORTINI (Lazio) Cristiano FUSARI (Cioli Cogianco), Gabriel LIMA (Acqua&Sapone Unigross), Felipe MANFROI (Lollo Caffè Napoli), Giuseppe MENTASTI (Futsal Isola), Alex MERLIM (Sporting Lisbona), MURILO Ferreira (Acqua&Sapone Unigross), Angelo SCHININÀ (Kaos Futsal), Andrea TERENZI (Axed Group Latina)

 

ECCO IL PROGRAMMA

26 Gennaio CROAZIA ITALIA a Zara ore 19.00

27 Gennaio CROAZIA ITALIA a Zara ore 19.00

30 Gennaio ITALIA SERBIA ad Arzignano ore 20.30

31 Gennaio ITALIA SERBIA a Villorba ore 19.30

SERIE A – TUTTO IN UN CLICK – PESCARA CAMPIONE D’ INVERNO, TABELLINI CLASSIFICA E I GIRONI I WINTER CUP

SERIE A – 11ª GIORNATA


CAME DOSSON-LUPARENSE 3-5

CIOLI COGIANCO-LAZIO 7-2

KAOS FUTSAL-ACQUA&SAPONE UNIGROSS 2-4

MA GROUP IMOLA-AXED GROUP LATINA 4-4

PESCARA-LOLLO CAFFÈ NAPOLI 5-1

REAL RIETI-FUTSAL ISOLA 2-2

Il Pescara è campione d’inverno. Supera la Lollo Caffè Napoli, che perde per la seconda volta in stagione, lasciando anche lo scettro del campionato agli uomini di Colini. Ghiotti  Chimanguinho, Rosa e Salas e Canal i marcatori.

Al PalaCavina di Imola una bellissima gara. Ai punti meriterebbe  l’Axed Group Latina. In vantaggio va lImola di Pedrini con  Revert Cortes e Castagna, ma nel secondo tempo  la squadra di Basile è  trascinata da Avellino e  Maina e alla fine è pareggio.

L’Acqua&Sapone di Ricci vince la 5° gara di seguito e passa  dalla zona playout al quarto posto. Gli abruzzesi vincono in rimonta sul campo del Kaos. Romano, Murilo, Lima e Jonas rimontano lo svantaggio di due reti e capovolgono il match, nel quale avevano subito l’1-2 di Mateus e Titon.

La  Came Dosson cade dopo due vittorie consecutive. La Luparense,  grazie a Taborda e Honorio si prende la terza piazza della classifica. Valanga della Cioli Cogianco su una  Lazio troppo  rimaneggiata e con Escosteguy portiere di movimento. C’è gioia in casa Cogianco per la prima rete in A di Michele Raubo, giovane ragazzo tra i più interessanti d’Italia. Pareggio fra Real Rieti e Futsal Isola, il due pari finale è siglato dal nuovo acquisto Calderolli).

Il campionato torna il 7 gennaio, ma tra il 27 e il 29 inizierà la prima della Winter Cup.

Ecco i Tabellini di ieri

 

 

CAME DOSSON-LUPARENSE 3-5 

CAME DOSSON: Miraglia, Belsito, Schiochet, Boaventura, Bellomo, Cucchini, Vavà, Rosso, Crescenzo, Vieira, Bordignon, Vascello. All. Rocha

LUPARENSE: Miarelli, Taborda, Honorio, Bertoni, Mancuso, Ramon, Lara, Coco, Brandi, Khouch, Duric. All. Marin

MARCATORI: 2’40’’ e 16’10’’ p.t. Taborda (L), 0’53’’ s.t. Schiochet (C), 5’40’’ Honorio (L), 14’50’’ Belsito (C), 18’21’’ Taborda (L), 19’24’’ Miarelli (L), 19’52’’ Boaventura (C)

AMMONITI: Bordignon (C), Honorio (L), Vavà (C)

 

CIOLI COGIANCO-LAZIO 7-2 

CIOLI COGIANCO: Molitierno, Ippoliti, Brizzi, Ruben, Fits, Tarenzi, Mazzocchetti, Fusari, Mazoni, Vizonan, Raubo, Tetti. All. Alonso

LAZIO: Escoteguy, Fortini, Gattarelli, Chilelli, Gedson, Giasson, Spinola, Guercio, Chiomenti, Ramirez, Stoccada, Blasimme. All. Mannino

MARCATORI: 3’59’’ p.t. Brizzi (C), 9’41’’ Raubo (C), 13’24’’ rig. Ippoliti (C), 19’15’’ Fits (C), 10’27’’ s.t. rig. Chilelli (L), 11’07’’ Fits (C), 16’05’’ Fusari (C), 19’30’’ Ippoliti (C), 19’44’’ Gattarelli (L)

AMMONITI:
Chilelli (L), Vizonan (C), Ruben (C), Fits (C), Fortini (L), Blasimme (L)

 

KAOS FUTSAL-ACQUA&SAPONE UNIGROSS 2-4 

KAOS FUTSAL: Putano, Saad, Titon, Ercolessi, Fernandao, Tuli, Peric, Kakà, Guilherme, Mateus, Schininà, Timm. All. Fernandez

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Casassa, Ruiz, Lima, Murilo, Jonas, Bordignon, Canale, Romano, Rocchigiani, Zanella, De Oliveira, Mambella. All. Ricci

MARCATORI: 8’52’’ p.t. Mateus (K), 9’20’’ Titon (K), 14’51’’ Romano (A), 0’52’’ s.t. Murilo (A), 6’33’’ Lima (A), 16’32’’ t.l. Jonas (A)

AMMONITI: Romano (A), Peric (K), Mateus (K), Titon (K)

 

MA GROUP IMOLA-AXED GROUP LATINA 4-4 

MA GROUP IMOLA: Juninho, Vignoli, Revert Cortes, Marcio, Castagna, Frassinetti, Sponghi, Jelavic, Fabinho, Napoletano, Crisantema, Battaglia. All. Pedrini

AXED GROUP LATINA: Chinchio, Battistoni, Bernardez, Avellino, Pica Pau, Corso, Rossi, Mazza, Pica Pau, Terenzi, Landucci. All. Basile

MARCATORI: 0’30’’ p.t. Castagna (I), 19’44’’ t.l. Revert Cortes (I), 2’34’’ s.t. Bernardez (L), 3’51’’ Marcio (I), 7’41’’ e 10’28’’ s.t. Avellino (L), 11’06’’ Marcio (I), 15’42’’ Maina (L)

AMMONITI: Vignoli (I), Battistoni (L), Jelavic (I), Bernardez (L), Corso (L)

 

PESCARA-LOLLO CAFFE’ NAPOLI 5-1 

PESCARA: Capuozzo, Ghiotti, Canal, Cuzzolino, Chimanguinho, Leggiero, Salas, Tenderini, Duarte, Azzoni, Rosa, Agostinelli. All. Colini

LOLLO CAFFE’ NAPOLI: Garcia Pereira, De Bail, Crema, Bocao, Andrè, Botta, Davì, Milucci, Orvieto, Fornari, Manfroi, Pasculli. All. Cipolla

MARCATORI: 15’58’’ p.t. Ghiotti (P), 8’08’’ s.t. Chimanguinho (P), 11’22’’ Rosa (P), 15’25’’ Salas (P), 16’55’’ Davì (N), 17’26’’ Canal (P)

AMMONITI: Cuzzolino (P), Garcia Pereira (N), Duarte (P), Crema (N), Milucci (N)

NOTE: al 17’17’’ p.t. Cuzzolino (P), sbaglia un tiro libero

 

REAL RIETI-FUTSAL ISOLA 2-2 

REAL RIETI: Micoli, Jeffe, Duio, Calderolli, Saul, Corsini, Cesaroni, Romano, Turmena, Angelini, Degano, Guennounna. All. Batista

FUTSAL ISOLA: Leofreddi, Espindola, Arteiro, Emer, Marcelinho, Galati, Terlini, Arribas, Zoppo, Pilloni, Tiveron, Cerulli. All. Angelini

MARCATORI: 7’01’’ p.t. Zoppo (I), 12’27’’ t.l. Turmena (R), 17’07’’ t.l. Marcelinho (I), 15’38’’ s.t. Calderolli (R)

AMMONITI: Arribas (I), Calderolli (R), Saul (R), Duio (R), Zoppo (I), Pilloni (I), Emer (I)

ESPULSI: al 13’ p.t. il tecnico Angelini (I), al 17’08’’ del s.t. Duio (R) per somma di ammonizioni

Classifica

Squadra Pt G V Pa Pe Gf Gs
Pescara 29 11 9 2 0 53 30 23
Lollo Caffè Napoli 27 11 9 0 2 54 34 20
Luparense 20 11 6 2 3 43 31 12
Acqua&Sapone Unigross 19 11 6 1 4 43 33 10
Kaos Futsal 18 11 5 3 3 38 35 3
Axed Group Latina 17 11 5 2 4 38 31 7
Ma Group Imola 17 11 5 2 4 38 43 -5
Cioli Cogianco 16 11 5 1 5 40 35 5
Real Rieti 10 11 3 1 7 34 46 -12
Lazio 6 11 2 0 9 24 56 -32
Came Dosson 6 11 2 0 9 34 46 -12
Futsal Isola 5 11 1 2 8 26 45 -19

 

WINTER CUP

Il campionato ora si ferma per la sosta natalizia  tra il 27 e il 29 dicembre, ci sono in programma i quattro gironi che compongono la prima fase di Winter Cup, ospitati dalle prime quattro squadre in classifica. Le squadre vincitrici dei gironi accederanno alla Final Four.

GIRONE A: Pescara (A), Cioli Cogianco (B), Futsal Isola (C)

GIRONE B: Lollo Caffè Napoli (A), Ma Group Imola (B), Came Dosson (C)

GIRONE C: Luparense (A), Axed Group Latina (B), Lazio (C)

GIRONE D: Acqua&Sapone Unigross (A), Kaos Futsal (B), Real Rieti (C)

 

IL CALENDARIO
GIRONE A
Prima giornata (27 dicembre): Pescara-Futsal Isola
Seconda giornata (28 dicembre) Futsal Isola-Cioli Cogianco
Terza giornata (29 dicembre) Cioli Cogianco-Pescara

GIRONE B
Prima giornata (27 dicembre): Lollo Caffè Napoli-Came Dosson
Seconda giornata (28 dicembre) Came Dosson-Ma Group Imola
Terza giornata (29 dicembre) Ma Group Imola-Lollo Caffè Napoli

GIRONE C
Prima giornata (27 dicembre): Luparense-Lazio
Seconda giornata (28 dicembre) Lazio-Axed Group Latina
Terza giornata (29 dicembre) Axed Group Latina-Luparense

GIRONE D
Prima giornata (27 dicembre): Acqua&Sapone Unigross-Real Rieti
Seconda giornata (28 dicembre) Real Rieti-Kaos Futsal
Terza giornata (29 dicembre) Kaos Futsal-Acqua&Sapone Unigross

ITALIA SLOVENIA 2-1, VINCONO ANCORA I RAGAZZI DI MENICHELLI

 

Per la seconda volta in 24 ore, la Nazionale italiana di futsal batte in trasferta la Slovenia. Dopo il 4-1 di Tolmino, gli Azzurri si impongono 2-1 ad Aidussina, grazie alle reti tutte nel primo tempo di Crema e Lima. Nella ripresa, gli avversari accorciano con Čujece provano a pareggiare con il portiere di movimento, senza trovare la via del gol. Esordio in gare ufficiali per Fusari, in campo anche Terenzi e Castagna che non avevano giocato gara-1.

L’Italia punisce al 6′ con Crema, il più rapido di tutto a raccogliere un pallone in area di rigore e battere il portiere con una puntata di sinistro. Rok Mordej è l’avversario più pericoloso assieme a Fideršek, ma Micoli – che per l’occasione sostituisce Molitierno – si fa trovare pronto. Il raddoppio arriva a 47 secondi dal suono della sirena: lancio lungo di Murilo diretta a Boaventura, Fetić va a vuoto e lascia campo libero al giocatore della Came Dosson, palla a Lima che senza alcun problema manda il pallone in rete. Nella ripresa più Slovenia che Italia. “I nostri avversari hanno messo in campo tutte le energie che avevano per recuperare e per vendicarsi della sconfitta, ma noi abbiamo retto bene”, dirà il c.t. Roberto Menichelli a fine partita. Già, perché Micoli è sempre attento, a parte il gol realizzato da Čujec sul quale non può nulla. A 5′ dal termine, gli sloveni chiamano il timeout per mettere il portiere di movimento che si rivela un nulla di fatto. Gli Azzurri si difendono bene, Crema colpisce il palo, poi non succede più nulla.

SLOVENIA-ITALIA 1-2 
SLOVENIA: A. Mordej, Čujec, Fetić, Fideršek, Osredkar, R. Mordej, Turk, Širok, Hozjan, Vrhovec, Štendler, Čeh, Martić, Puškar. Ct. Dobovičnik

ITALIA: Micoli, Ercolessi, Lima, De Oliveira, Bordignon, Fusari, Terenzi, Merlim, Murilo, Castagna, Boaventura, Crema, Schininà, Chinchio. Ct. Menichelli

MARCATORI: 5’16” p.t. Crema (I), 19’13” Lima (I), 7’54” s.t. Čujec (S),

AMMONITI: Merlim (I), Rok Mordej (S), Schininà (I), Crema (I), Fetić (S)