Intervista a MR. NANNI del VELLETRI Under 19

La nostra redazione ha intervistato Mr. Nanni Francesco tecnico dell’ Under 19 Nazionale del Velletri C5 società militante nel girone N, che al primo anno nel nazionale sta facendo un ottimo lavoro.

Mr. Nanni come è questa sua prima stagione alla guida di una squadra che milita nel Campionato Nazionale?

Innanzitutto devo ringraziare la Società, il Ds Massimo Acchioni e l’ ormai ex mister Enrico Scalchi per avermi concesso l’ opportunità di partecipare ad una categoria così importante che non avevo mai disputato, quindi un’ esperienza tutta nuova per me. Un esperienza bellissima, un’ ambiente, ahimè, totalmente diverso dal Regionale. 

Passando al futsal giocato posso dire che ho approcciato in questa avventura in modo totalmente  diverso e che sto facendo la mia esperienza. 

Cosa significa Mister? 

Bè per chi mi conosce sa che sono sempre stato un allenatore tradizionale che è sempre andato avanti per la propria strada … giusto o sbagliato che sia stato. Quest’ anno è diverso, la Società mi ha spiegato nel dettaglio cosa voleva dal mio ruolo e dalla mia collaborazione, ho deciso di fidarmi ed è esattamente ciò che unitamente al mio preparatore Claudio Tartaglia stiamo facendo. Un confronto continuo col mister della prima squadra Maicol Montagna, un’ unità d’ intenti che già sta portando i suoi frutti, soprattutto nel far crescere i nostri under dando loro modo di esordire in serie B in gare ufficiali.

Oltre a questo abbiamo visto che sono arrivate anche alcune vittorie e delle belle prestazioni?

Si in tutta onestà si. Anche nelle partite in cui abbiamo perso, e non sono state pochissime, la squadra ha comunque sempre messo in campo molta determinazione e sono uscite fuori buone prestazioni. Ora che abbiamo giocato con compagini più alla nostra portata sono arrivate anche tre vittorie che ci riempiono di soddisfazione se consideriamo che la squadra non si è mai allenata insieme. Non mi prendo meriti, quest’ anno mi ritengo il gestore di un gruppo di ragazzi che la domenica provo a far diventare squadra cercando di sbagliare il meno possibile nelle scelte e nei cambi che faccio. I ragazzi si stanno mostrando di essere bravi interpreti di questo spartito.

Quindi solo note positive?

Bè sarei ipocrita … anche se non era un obiettivo datomi dalla società e so per certo che non saremmo potuti arrivare lontanissimo, ho il rammarico di essere uscito dalla Coppa Italia. Del resto c’è capitato il Latina C5, una compagine più preparata di noi che vanta nelle proprie fila giocatori nel giro della Nazionale U21 e che hanno già esordito in serie A. Di buono è che anche contro di loro non abbiamo assolutamente sfigurato. 

…. tra le difese con meno reti al passivo … ma il secondo peggior attacco …

Avete ragione ….. non la buttiamo dentro neanche se la tiriamo con le mani!!!!! Sbagliamo veramente troppo sotto porta e il più delle volte non concretizziamo quanto creiamo..lavoreremo per migliorare quest’ aspetto!!!

Tornando alla difesa …. dobbiamo ancora affrontare la Roma campione d’ Italia … ed il Ciampino … poi ne riparleremo (ride il Mister)!

Mister grazie e buon divertimento per il proseguo del campionato.  

HORNETS – Il preparatore dei portieri VERGINELLI con fierezza: “Con il lavoro e il tempo risaliremo da una classifica attualmente non veritiera “

La vittoria di sabato contro la Roma Futsal e la buona prestazione in Coppa nella trasferta di andata a Valmontone contro il Palestrina, permettono alla squadra di Carello di mettersi alle spalle un brutto periodo di risultati negativi e guardare con fiducia già a Sabato quando la squadra affronterà l’Albano. I gialloneri cercano continuità tra le mura amiche cercando di sfruttare la possibilità di scavalcare i castellani. Ne abbiamo parlato col Preparatore dei Portieri Fabio Verginelli.

Buongiorno Fabio…per te la prima stagione allo Sporting Hornets. Arrivi da esperienze importanti…qual’è stato l’approccio con la società e come ti trovi a distanza di due mesi dall’inizio del tuo lavoro qua?

VERGINELLI: “Per quanto mi riguarda sono bastati tre minuti nel primo incontro col Presidente per capire che eravamo fatti l’uno per l’altro. Stessa visione di come si affronta una stagione. E’ una persona molto ambiziosa come lo sono io d’altronde. Ho trovato uno staff di grande professionalità….persone competenti che mi hanno messo subito a mio agio..come spero di aver fatto con loro. Lavoriamo tutti verso la stessa direzione, coordinati nel giusto modo e tutti rispettosi del proprio ruolo. Speriamo anche di essere efficaci ma credo che quando si lavora bene è solo una questione di tempo e i risultati arrivano”

Alleni tre portieri di valore, in poche hanno una rosa di portieri di questo livello…..Tripelli, Caiazzi e Piermarini….esperienza, qualità e grandi margini di crescita…puoi darci il tuo parere su loro?

VERGINELLI: “Il gruppo di portieri che mi è stato messo ha disposizione dal punto di vista delle caratteristiche è molto completo, abbiamo Alessandro Piermarini che è un ragazzo giovane molto promettente che ha delle esperienze in società importanti come under, sto cercando in questo momento di indirizzarlo verso la strada giusta soprattutto dal punto di vista mentale…per fargli capire che aver approcciato categorie più alte non significa essere portieri pronti e finiti. Il portiere è un ruolo difficile che si acquisisce nel tempo, ne so qualcosa a spese mie che da giovane ho fatto categorie importanti commettendo qualche errore di gioventù e cerco di tramandargli questa mia esperienza “negativa”. Ivano Caiazzi è un portiere al punto massimo della crescita, per l’età che ha. Ragazzo molto forte, con grande disponibilità a lavorare. Tripelli lo conosciamo tutti per la sua grande esperienza ma dire solo questo di lui sarebbe riduttivo. Se devo trovare un aggettivo per lui dico “esempio”….non solo per i ragazzi ma anche per noi che lavoriamo con lui.”

La squadra sembrerebbe aver superato il momento difficile grazie alla vittoria con la Roma Futsal e una buona prestazione a Valmontone. Credi che la squadra possa risalire in classifica e non vivere questa stagione con la necessità di dover lottare per la salvezza?

VERGINELLI: “Quando si forma un gruppo nuovo che per lo più arriva da due tronconi principali non è mai facile da far coesistere subito. La squadra è molto giovane con quattro senior. Ragazzi che vengono da modi di giocare diversi e da questo punto di vista il mister sta facendo un grandissimo lavoro. I risultati non ci stanno dando il merito giusto. E’ mancata un pizzico di fortuna, ma non è poi questo che ti porta i risultati. Bisogna metterci voglia, preparazione, concentrazione e i ragazzi ce la stanno mettendo tutta e col tempo arriveranno anche i risultati ne sono sicuro. Stanno acquisendo fiducia e anche col Palestrina lo abbiamo dimostrato nel finale di gara abbiamo messo sotto gli avversari recuperando il Gap e lasciando aperta la possibilità di qualificarci. Un mese fa sul tre a uno avremmo “sbragato”, l’altro giorno no!! Poi dobbiamo guardare partita per partita….non si fanno programmi, intanto dobbiamo levarci da la sotto e poi vedremo col tempo.”

Credi che la politica della società di avere un roster molto giovane sia una scelta giusta e che possa ripagare col tempo?

VERGINELLI: “Per tre quarti la squadra è formata da under che hanno tanta voglia di fare ma anche un pizzico giusto di presunzione, ma sta a loro capire che la presunzione non è un viatico buono per arrivare in alto. Il consiglio è di lavorare, lavorare e lavorare affidandosi a chi li guida, allo staff molto competente. Abbiamo dei senior che possono aiutarci alla grande a tirarci fuori dai problemi di questo inizio stagione. Hanno la giusta esperienza e la giusta forza e capacità per risalire questa classifica che a parer mia non rispecchia la verità in termini di qualità.”

ROMA 3Z – La trasferta in Sardegna vale tre punti per i ragazzi di Zaccardi. TIZIANO BIASINI: “Vittoria ottenuta col sacrificio del gruppo…..non ci poniamo limiti, l’obiettivo è crescere”

La squadra di Simone Zaccardi dopo l’ottima partenza stagionale ritrova la vittoria. E lo fa nella trasferta sarda contro il San Paolo Cagliari. Tra i giocatori gialloblu trova la sua prima rete in campionato il numero 10 Tiziano Biasini, che abbiamo intervistato nel post gara.

Buongiorno Tiziano..la squadra torna a Roma con un altro risultato importante. Tre punti che vi permettono di rimanere a ridosso delle zone alte di classifica. Quale è stata la cosa che ha determinato l’ago della bilancia a vostro favore in terra sarda?

BIASINI: “Per vincere sabato è servito il sacrificio di tutti, aiutando il compagno nei momenti di difficoltà ed essere un gruppo compatto dal primo all’ultimo minuto. Sapevamo di andar ad affrontare un partita molto difficile in primis perché anche loro avevano tanta voglia di fare bene soprattutto in casa, noi ce la siamo giocata con tutto quello che avevamo a disposizione e siamo riusciti a portare a casa 3 punti fondamentali per noi.”

Ti aspettavi un inizio di stagione cosi positivo o credevi che visto che quasi tutta la squadra è al debutto nel nazionale potevate incontrare maggiori difficoltà?

BIASINI: “Io sapevo benissimo che essendo tutti noi molto giovani la voglia di dimostrare era tanta e che quindi la squadra in campo avrebbe dato il fritto pur di vincere la partita, ovviamente sapevo anche che sarebbe stato molto difficile sopratutto nelle prime partite, invece l’ottima partenza in casa con la Cioli nella coppa divisione ci ha dato la carica giusta per affrontare le altre nei migliori dei modi e possiamo dire che i risultati stanno arrivando piano piano.”

La conferma arrivata sabato di una squadra che gioca un buonissimo calcio a 5 e può giocarsela con tutti e la qualità delle avversarie fin qui incontrate può far rivedere l’idea di “obiettivo stagionale” prefissato in estate dalla società?

BIASINI: “Il nostro obiettivo è uno soltanto e non riguarda la classifica, l’obiettivo principale è crescere e migliorare tutti sia a livello personale sia a livello tattico, tutto quello che la stagione ci riserverà lo prenderemo comunque come una vittoria e una crescita personale.”

Il tuo è un ritorno a casa e molti di questi ragazzi li avevi conosciuti già nelle giovanili. C’è un giocatore in particolare che ti sta sorprendendo positivamente in questo avvio di stagione?

BIASINI: “I giocatori che mi hanno colpito sono tanti, anzi TUTTI, partendo da i più piccoli arrivando fino ai portieri, con alcuni già avevo giocato altri invece li avevo visti solo giocare molto tempo fa, devo dire che sono rimasto colpito da ognuno di loro mi hanno davvero impressionato.”

A livello personale, numeri e prestazioni sottolineano un inizio di stagione molto positivo da parte tua…sei soddisfatto del tuo inizio e senti la responsabilità, nonostante la tua giovane età di dover accompagnare questo gruppo a quel percorso di crescita al quale tu stesso facevi riferimento prima ma allo stesso tempo la necessità poi di dover fare punti per mantenere la categoria che la società con grandi sacrifici porta avanti?

BIASINI: “Per il momento sono molto soddisfatto, cerco di aiutare la squadro nel miglior modo possibile partita dopo partita, conto di continuare a far così per tutta la stagione quel che verrà verrà.”

💪🏻💙💛

Pubblicato da Tiziano Biasini su Martedì 29 ottobre 2019

SPORTING HORNETS – DARIO PISANI ricarica la squadra: “E’ necessario fare uno scatto a livello mentale….siamo un ottimo gruppo e faremo bene”

La settimana che lo Sporting Hornets si lascia alle spalle non è delle migliori. Da sabato a sabato la squadra ha raccolto due sconfitte in campionato alternate ad una vittoria in Coppa Italia contro un ottimo Torrino col risultato di 7-4 per i gialloneri di Carello. Tanta differenza invece tra le due sconfitte subite in campionato. In casa con lo United Pomezia la squadra aveva giocato una gara di carattere cedendo solo di misura ad uno degli avversari più forti della categoria. A Ciampino invece, contro i ragazzi dell’Atletico di Mr.Guiducci la squadra è sembrato toccare il fondo in una prestazione da dimenticare presto. Ne abbiamo parlato col preparatore atletico degli Hornets, Dario Pisani, che con il collaboratore Matteo Liverani, curano la parte atletica degli uomini di Mr.Carello. Uomo di grande esperienza calcistica, Dario Pisani, ha lavorato in tantissime società anche in palcoscenici nazionali, sia nel calcio a 5 che nel calcio a 11. Ecco le sue parole che evidenziano il momento dei gialloneri pronti a dover riscattare questo brutto periodo sabato in un’altra gara molto difficile contro la candidata numero uno alla vittoria finale…l’Ecocity Cisterna.

DARIO PISANI: “In questo momento occorre innanzitutto non fare drammi. La squadra è molto giovane e in avvio di stagione va messa in conto qualche difficoltà. Ci sta in ogni stagione un periodo difficile….è opportuno saper reagire e questa squadra ne ha le qualità. Fisicamente stiamo bene e tecnicamente e tatticamente la squadra è preparata, tra l’altro lasciami dire, anche se non necessito di fare sviolinate, che ho conosciuto quest’anno Mister Carello ed ho apprezzato da subito le sue competenze e il lavoro che svolge col suo vice Alessio Mancini. Carello è uno dei migliori allenatori con cui ho lavorato. E’ necessario che la squadra faccia uno step mentale….uno scatto a livello di approccio alla gara e carattere. Abbiamo giocato sempre delle buone gare a parte l’ultima a Ciampino. Dobbiamo continuare su questa strada…lavorando a testa bassa e sono certo che troveremo la strada giusta. Va detto che il Presidente Fabrizio De Santis non ci fa mancare niente e grazie anche al lavoro del D.S. Marco Chilelli abbiamo un gruppo umanamente molto forte e anche tecnicamente. Paghiamo la giovane età ma è una scelta politica che condivido in pieno con la società. Sabato il calendario non ci regala l’occasione più facile per fare risultato ma contro le squadre più forti sappiamo tirare fuori il meglio di noi……sono certo che faremo bene già dalla prossima gara e reagiremo alla grande a questo momento no ”

HISTORY ROMA 3Z 1983 – CALASCIONE protagonista della vittoria al debutto dei gialloblu: “Con l’Aprilia una grande prova di gruppo…..dobbiamo continuare con umiltà a lavorare in questo modo.”

E’ arrivata la prima vittoria in serie B per l’History. Detto così sembrerebbe quasi un sospirare di sollievo per un finalmente. Invece i ragazzi terribili di Simone Zaccardi hanno centrato il bersaglio al primo colpo. Dopo la grande vittoria di Coppa i giallo blu del 3Z lanciano un secondo segnale al mondo del calcio a 5 nazionale. Grande vittoria contro lo United Aprilia nelle proprie mura….contro una pretendente alla vittoria finale prima i gemelli Luca e Riccardo Ciciotti e poi una doppietta di Valerio Calascione ha steso la squadra di Trobiani. Di seguito una breve intervista al giocatore che ha messo doppia firma al suggello gialloblu.

Buongiorno a Valerio Calascione…..protagonista della prima vittoria in serie B alla prima occasione contro lo United Aprilia. Quali sono stati secondo te dal punto di vista tattico, tecnico e psicologico le chiavi vincenti che vi hanno portato a questo successo?

CALASCIONE: “Stiamo lavorando da più di un mese con grande impegno e intensità…..sia dal punto di vista tecnico-tattico sia da quello fisico con Federico Mercuri che non ci ha mai fatto smettere di lavorare e ci costringe insieme a Mr.Simone di stare tutti i giorni sul pezzo. Mr. Zaccardi sta facendo un grande lavoro…sabato abbiamo fatto una grande prova di gruppo, una grande prestazione. Non ci siamo abbattuti nei momenti difficili e nei goal subiti, tutti da fermo. Siamo stati bravi.”

Visto questo avvio importante e per alcuni anche sorprendente con la straordinaria vittoria in Coppa col Carbognano e questa partenza vincente in campionato pensi che si possa piano piano con prudenza lavorare per obiettivi diversi da quelli saggiamente dichiarati quest’estate dalla società?

CALASCIONE: “La società giustamente ha un obiettivo che è quello di mantenere la categoria e lo ha dichiarato da subito. Noi ragazzi invece sappiamo bene cosa è importante ma non ci siamo posti obiettivi o limiti. Ci conosciamo da anni e sappiamo ogni nostro pregio e difetto…….vogliamo giocarcele tutte e poi tireremo le somme.”

Anche se la risposta sembrerebbe scontata puoi darci un primo bilancio su questo avvio di stagione e soprattutto dirci se ti aspettavi una partenza cosi forte?

CALASCIONE: “Conosco da molti anni sia il gruppo senior che i giovani della rosa. Conosco bene il mister e so quello che può darti la società. Non mi piace fare proclami e per questo preferisco lavorare in settimana e far parlare il campo. Non sono particolarmente sorpreso da questo nostro avvio…proprio per i motivi che ti ho elencato.”

Sabato prossimo la prima trasferta….si va a Terracina contro un Real che deve riscattare la sconfitta esterna contro lo Juvenia…cosa servirà secondo te per ripetere la prestazione di sabato e tornare a Roma con una vittoria?

CALASCIONE: “Sabato prossimo ci dovremmo mettere ancora più impegno. Sappiamo che troveremo delle difficoltà perchè siamo giovani e ci manca un po di esperienza ma noi faremo di tutto in settimana per farci trovare pronti anche sabato a Terracina.”

CARRÈ CHIUPPANO – Pedrinho: “Bisogna imporre il fattore casa e vincere per i tifosi”

L’INTERVISTA PEDRINHO!

Classe 1989, italo-brasiliano, attaccante: stiamo parlando di Pedro Vidoto De Aguilar, per tutti Pedrinho!

È il bomber biancoazzurro, a Carrè dalla stagione sportiva 2013/2014, ad inaugurare le interviste settimanali.

Sabato scorso il Carrè Chiuppano ha aperto il campionato con una vittoria in casa del Futsal Pistoia, come riassumeresti la partita?

PEDRINHO: “Una bella prestazione da parte di tutta la squadra! Abbiamo saputo soffrire e sacrificarci in difesa e siamo stati cinici ed efficaci sottoporta.

Dei sei goal segnati, tre portano la tua firma: ti sei posto degli obiettivi personali per quest’anno? Se si, quali?

PEDRINHO: “I miei obiettivi sono sempre gli stessi: fare il massimo di goal possibili per aiutare la squadra a vincere! Dipende dai miei goal ed è quello che si aspettano da me. Poi, venendo da una stagione come quella scorsa, la voglia di riscatto fa aumentare la fame di segnare.”

Domani il CC affronterà l’Olimpia Regium, cosa conosci di questa squadra e che partita ti aspetti?

PEDRINHO: “Conosco poco la loro squadra ma abbiamo già capito che sarà un campionato molto equilibrato. In casa però non possiamo guardare in faccia a nessuno e dobbiamo far valere le nostre forze, per riportare il sorriso al nostro pubblico che ci segue SEMPRE”

GAP – Simone Patriarca carica la squadra pronta al debutto in campionato: “La doppia sfida di Coppa ci ha caricato ma dobbiamo tenere sempre alta la concentrazione…..siamo ambiziosi”

Sabato prenderà il via il campionato di C2. Il Gap di Pomposelli ha appena passato il turno di Coppa Lazio superando nel doppio confronto il Santa Marinella. Tra i protagonisti Simone Patriarca, al secondo anno con la maglia biancorossa. Lo abbiamo intervistato in questi giorni che anticipano lo start ad un campionato in cui la squadra di Capitan Longo vuole essere protagonista.

Buongiorno Simone….per te questa è la seconda stagione con questa maglia. Quali sono le aspettative che hai nei confronti della vostra squadra e quali gli obiettivi?

PATRIARCA: “Senza darci un obiettivo preciso e senza fare voli pindarici vogliamo partire da subito forte. Personalmente con un po’ di esperienza in più e una buona preparazione atletica fatta rispetto alla scorsa stagione spero di essere molto d’aiuto per la squadra sia in fase realizzativa ma soprattutto, essendo un ultimo di ruolo, di evitare di prendere troppi goal come è successo invece in qualche occasione lo scorso anno.”

Alla luce dei primi risultati di Coppa, dove praticamente avete archiviato il passaggio già nel turno di andata, come vedi la squadra in questo momento. Si può dire che siete al 100% o credi che avete bisogno ancora di tempo per assimilare le richieste di Mr. Pomposelli?

PATRIARCA: “Non è facile partire da subito al 100% con il gioco che vuole fare Mr.Pomposelli ma ci stiamo lavorando ed è importante in questo il fatto che siamo riusciti a confermare buona parte della rosa….a tenere gli under che ci hanno dato una grande mano già nel finale della scorsa stagione. E’ arrivato qualche innesto che potrà darci una grande mano e abbiamo dei portieri di primo livello per la categoria quindi sono sicuro che faremo molto bene.”

Arriva la prima di campionato in casa contro il Santa Gemma……conoscete gli avversari e credi che a differenza della scorsa stagione dove siete stati costretti a fare una rincorsa nella seconda parte di campionato potete partire già da subito per una stagione da protagonisti?

PATRIARCA: “Essendo noi una squadra giovane bisogna essere sempre concentrati. Siamo pronti per sabato ma non dobbiamo commettere gli errori ad esempio di sabato scorso, rischiamo di rilassarci e prendere alcuni momenti della gara sottogamba….questo non deve succedere, perché si rischia di buttare via punti determinanti poi per l’obiettivo che si persegue. Ma siamo determinati e vogliosi di fare bene, noi più grandi dobbiamo aiutare i più giovani a tenere alta la concentrazione…..a partire dagli allenamenti. Avere molti giovani è bello perché tentano la giocata, non hanno pressioni ma può rivelarsi un arma a doppio taglio. Per sabato ricordo gli avversari dalla scorsa stagione….è insidiosa ma giocheremo in casa e sono sicuro che faremo bene. Siamo competitivi, e col tempo assimilando sempre più il gioco del Mister potremo toglierci tante soddisfazioni!!”

7 ANNI DI HORNETS – Il Presidente De Santis “Una società che sia di esempio. Costruita una squadra bella e competitiva”

A pochi giorni dal settimo anno di vita lo Sporting Hornets si presenta ai nastri di partenza della C1 con grandi prospettive, presenti e future, e chi meglio dell’anima dei gialloneri, il Presidente Fabrizio De Santis poteva in una nostra intervista “a cuore aperto” presentarci la squadra che sarà…..

Buongiorno Presidente De Santis…. inutile nasconderci. È stata costruita una squadra tanto giovane quanto forte. Forse ad oggi solo 3/4 squadre in categoria valgono la sua rosa. Ci spieghi i programmi e gli obiettivi della stagione?

DE SANTIS: “Buongiorno…. Si, non mi nascondo, la rosa è stata decisamente rinforzata, puntando soprattutto sui giovani, come oramai è nostra abitudine.
Ma anche le nostre concorrenti si sono rinforzate, alcune con investimenti molto importanti, alcune con investimenti a mio avviso sovradimensionati rispetto alla categoria. Senza dubbio quest’anno sarà una C1 di livello,credo la più forte di sempre. La quasi totalità delle squadre punterà al massimo risultato, quindi il nostro obiettivo stagionale è migliorare la passata stagione sia in campionato che in coppa.”

Non mancano però gli uomini di carisma ed esperienza come Galante, Maciocca, Filipponi e i confermati Battistacci e Caiazzi….. Quali sono, non solo in termini di risultati, le cose che dovranno essere diverse rispetto alla scorsa stagione?

DE SANTIS: “Si, gli uomini di esperienza ci sono, in realtà anche lo scorso anno c’erano, ma causa infortuni li abbiamo avuti a disposizione solo nella parte finale del campionato, con evidenti risultati.
Tra i 7 di esperienza troviamo Stoccada e Filipponi che sono poco più che under, visto che questo sarà proprio il loro primo anno da over nel regionale. Carisma? Battistacci, Caiazzi, Galante e Maciocca ne hanno da vendere, ma ti assicuro che non difetta neanche ai più giovani

Il progetto tecnico riparte dalla conferma di Carello… Nonostante alcuni giocatori non conoscano il suo modo di lavorare la società crede fortemente in questa guida tecnica. Quali sono secondo te le doti tecniche e umane del mister?

DE SANTIS : “Giacomo Carello è il miglior allenatore in circolazione. Nei mesi scorsi molti si sono proposti, ma per me nessuno è tatticamente preparato quanto lui. E sotto l’aspetto umano ha la rara dote di saper ascoltare tutti senza vedere il peso di chi gli sta parlando. Se i giocatori passano e lui resta un motivo ci sarà.”

Indubbiamente una società che punta molto sui giovani non può nascondere l’obiettivo di arrivare fino in fondo con la 21…..cosa tra l’altro che vi é stata negata per un regolamento “particolare”?

DE SANTIS: “Si, come lo scorso anno puntiamo fortissimo sui giovani e sono sicuro che arriveremo in fondo non solo con la 21 ma anche con la 19 e la 17. I regolamenti ci sono e vanno rispettati, anche se non tutti lo fanno e qualcuno paga per colpe non sue.”

L’arrivo di un direttore dalla grande esperienza come Chilelli Marco conferma che la società vuole crescere anche fuori dal rettangolo di gioco…. Quale è il valore aggiunto che può dare il nuovo direttore non solo in fase di mercato come si può già ben vedere ma anche durante la stagione?

DE SANTIS: “Marco è stato fortemente voluto perché oltre ad ampliare il raggio d’azione del mercato ci sta aiutando nel mettere a posto tutti i tasselli a livello societario. Una società che ieri 29 luglio festeggiava i suoi 7 anni di vita e che vede in me e in Giorgio Rapanà i timonieri lungo la rotta tracciata da Alberto Gasponi, speriamo sempre verso porti più importanti.”

I numeri dicono 26 giocatori…. Una rosa giovane ma anche lunga…. che lei sembrerebbe pronto a dichiarare chiusa. Può scapparci una sorpresa…. Un altro colpo importante da qua fino a settembre?

DE SANTIS: “26 giocatori, tutti nati a Roma. Sembra poco, ma non è comune visto che oramai anche in C1 è routine prendere giocatori stranieri, spesso anche meno forti dei nostri giovani. Gli Hornets in questo senso sono un esempio da emulare, e spero vivamente che a fine stagione saremo una tendenza da seguire.
Mercato chiuso? Mai dire mai.. Il colpo è sempre dietro l’angolo.”

MR. BALDELLI – VIRTUS PALOMBARA, ecco le prime parole del nuovo mister: “Sarà una C1 difficile…ma lavoreremo per giocarcela con tutti.”

Abbiamo contattato uno degli allenatori più vincenti degli ultimi anni, Mister Manuel Baldelli che nella nuova stagione siederà sulla panchina del Virtus Palombara, squadra neopromossa che si sta muovendo molto bene sul mercato e vuole ben figurare in C1. Con la solità umiltà, pregio che negli ultimi anni gli ha permesso di ottenere grandi soddisfazioni lavorando sul campo ha dichiarato che non conta solo vincere ma anche e soprattutto far crescere i giocatori. Proverà a fare entrambi nella prossima C1 che si presenta tra le più difficili degli ultimi anni.

Buongiorno Mister Baldelli….. Inizi una nuova avventura con quale stimoli e quali sono le cose che hanno contribuito positivamente sulla scelta che hai fatto?

BALDELLI: “Inizio la nuova avventura con gli stimoli giusti e come sempre con grande entusiasmo…. La mia scelta è stata dettata dal legame che mi lega a Palombara, a Tonino Tomassetti e Andrea Zaina…. Dico la verità qualche chiamata è arrivata ma ho aspettato sempre il Palombara e quando hanno avuto la certezza che potevo andare con loro, io non ciò pensato un attimo.. Quindi la mia scelta erano loro già da maggio… Sono felice di essere tornato qui, ce lo eravamo promesso un po’ di anni fa e quest anno è successo.”

Già l’anno scorso questa squadra ha dimostrato di poter competere con le grandi della categoria…. La scelta da parte della società di un allenatore come te chiarisce senza dubbio gli obiettivi? Partite per provare a vincere?

BALDELLI: ” Avevano una buona base… Più sono stati inseriti giocatori che pensiamo siamo giusti e funzionali e allo stesso tempo bravi ragazzi… Non abbiamo obiettivi… l’unico obiettivo certo è giocarsi le partite alla grande con tutti… ”

Entriamo nel discorso mercato…. Abbiamo letto che non ci sarà più Capitan Albano… Puoi dirci quali sono le entrate e le conferme del tuo roster?

BALDELLI: “Dopo le conferme a breve ci saranno gli annunci dei nuovi come giusto che sia sarà la società a fare gli annunci ”

Ci sono le possibilità secondo te per ripetere una storica ”escalation” come quella in cui sei stato protagonista all’ Aniene, sulla panchina del Palombara?

BALDELLI: “Non so se ci saranno le possibilità di fare quello fatto con l’Aniene ma molte volte ci sono cose più importanti della semplice vittoria dei campionati…(anche perché penso che in questo sport almeno per gli allenatori non conti più di tanto….. La bravura di un allenatore o i meriti purtroppo passano sempre in secondo piano)… Per carità la vittoria piace a tutti ma penso sia anche bello soprattutto cercare di migliorare un giocatore di qualsiasi tipo ed a qualsiasi età…. “

Riparti dalla categoria regionale dove l’anno scorso in corsa e in breve tempo hai fatto molto bene a Ciampino… Possiamo dire che Manuel Baldelli è un valore aggiunto per questa categoria??

BALDELLI: “Non mi piace a me giudicare se posso essere un valore aggiunto io sono una persona abbastanza umile e ne sono contento di questo….. Quindi lascio giudicare agli addetti ai lavori. A detta di tutti questa c1 sarà una delle più dure degli ultimi anni e noi siamo sempre una neo promossa e cercheremo di fare bene sia in campo che fuori!!!! ”

SPES POGGIO FIDONI – Le prime parole del nuovo Mr.SIMONE FRATONI: “Voglio ripagare la fiducia di chi mi ha voluto fortemente qua….ripartiamo dal gruppo che ha fatto un gran bene la scorsa stagione”

Una carriera importante da giocatore, dove tra le altre ha vestito le maglie importanti di Lazio e Acquedotto. Grande carisma, personalità e determinazione gli hanno permesso di essere sempre un trascinatore dei gruppi in cui ha giocato. Queste doti adesso è pronto a trasmetterle alla sua squadra con la quale ha grande voglia di fare bene partendo da un risultato importante della scorsa stagione. Mr.Simone Fratoni, che con questa maglia è stato uno dei protagonisti della storica promozione dalla C2 alla C1,  è pronto a ripagare la fiducia di chi lo ha scelto per questo incarico, dopo che tre stagioni fa sempre
da tecnico, ma sulla panchina dell’Ardita Rieti ha conquistato la vittoria del campionato di serie D. Ecco le sue prime parole da Allenatore dello Spes Poggio Fidoni.

Buongiorno Mr.Fratoni….arriva la tua prima grande occasione in una società che negli ultimi anni è tra le maggiori protagoniste del campionato….. Quali sono le tue motivazioni per aver scelto il Poggio Fidoni e quali sono i programmi di questo nuovo corso tecnico?

FRATONI: “Le motivazioni vengono dal fatto che la società mi ha voluto fortemente e io voglio ripagare questa fiducia facendo bene…continuando sulla stessa onda di quello già fatto nella scorsa stagione, nel percorso iniziato insieme a Fabio Luciani ma purtroppo personalmente interrotto dopo due mesi per motivi personali. Non vedo l’ora di riprendere questo percorso e soprattutto di fare bene in questa società che come hai detto tu negli ultimi anni si è stabilizzata nelle zone alte della C1. “

L’obiettivo in termini di risultati è quello di giocarsi il campionato o credi che ci siano realtà più pronte a dispetto vostro?

FRATONI: “Gli obiettivi del campionato sono quelli di confermarci nelle zone alte di classifica. L’anno scorso Fabio Luciani ha raggiunto un grande traguardo centrando i play off per la prima volta. Sarà un campionato difficile…sentendo e leggendo, diverse squadre si stanno rinforzando come Aranova, Real Fabrica e anche diverse realtà romane. Noi nel nostro fortino del PalaSpes abbiamo sempre fatto bene e punteremo a ripeterci in casa e a conquistare qualche vittoria esterna importante che ci permetta di confermare almeno quanto fatto di buono nella scorsa annata.”

La grande determinazione e la voglia di vincere che hai sempre avuto da giocatore saranno alcune delle tue prerogative anche da allenatore ma quali sono le caratteristiche tecnico tattiche da cui ripartirà il tuo Poggio Fidoni?

FRATONI: “Le caratteristiche che avevo da giocatore saranno le prime cose che cercherò di trasmettere ai miei giocatori……il carisma, il carattere, la grande voglia di fare sempre bene sono una prerogativa importante alla quale non si può prescindere se si vuole fare bene. Sicuramente lavoreremo per essere una squadra molto aggressiva che cercherà di recuperare la palla e puntare proprio sul possesso palla.”

Puoi farci presente quali sono state le mosse di mercato, conferme e nuovi arrivi della società?

FRATONI: “Si riparte dalla conferma del 90% del gruppo della scorsa stagione e questo mi sembra già molto importante visto che i ragazzi hanno fatto molto bene. Ci stiamo muovendo sul mercato puntellando la rosa…..e sono in dirittura di arrivo un senior e un under che completeranno la squadra nelle prossime settimane.”