L’ ACQUA E SAPONE E’ LA PRIMA FINALISTA PER LO SCUDETTO. BATTUTO IL REAL RIETI

La squadra di Tino Perez passa 4-1 al PalaMalfatti in gara-2 delle semifinali scudetto. Sarà quindi l’ Acqua&Sapone Unigross la prima finalista in attesa del derby veneto tra Luparense e Came Dosson. Gli abruzzesi sbloccano subito l’incontro, con una punizione di Edgar Bertoni. Il Rieti è fermato da Mammarella che devia in angolo una  conclusione da fuori di Sergio Romano. Poi sale in cattedra Joaozinho. Murilo in ripartenza colpisce un palo e dopo è Bocao con un morbido tocco sotto su Leandro Garcia Pereira in uscita a trovare la rete. Bellarte fa salire Leandro Garcia Pereira a metà campo, giocando 5 vs 4, ma l’Acqua e Sapone attuano una grande fase difensiva e un Mammarella para tutto fa terminare il primo tempo senza altri brividi. Nella ripresa stesso copione. Arriva la rete del 3-0 per gli abruzzesi con Jonas. Il Rieti non molla e continua a giocare. Caetano trova la rete del 3-1 , con il portiere ancora sopra la metà campo Bellarte tenta di riaprire la gara ma Mammarella è fenomenale e  svetta un’altra occasione del Real Rieti  con PaulinhoBellarte prova  anche con Paulinho e Schininà portiere di movimento, ma a 1’41” dalla fine Gabriel Lima realizza il 4-1 finale.L’Acqua&Sapone è  in finale scudetto.

REAL RIETI-ACQUA&SAPONE UNIGROSS 1-4 (0-2 p.t.)
REAL RIETI: Garcia Pereira, Paulinho, Joaozinho, Caetano, Rafinha, Esposito, Corsini, Schininà, Betao, Romano, Nicolodi, Lupinella. All. Bellarte

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Lima, Murilo, De Oliveira, Bertoni, Bordignon, Calderolli, Lukaian, Bocao, Coco, Jonas, Casassa. All. Perez

MARCATORI: 2’37” p.t. Bertoni (A), 8’45” Bocao (A), 2’15” s.t. Jonas (A), 3’57” Caetano (R), 18’19” Lima (A)

AMMONITI: De Oliveira (A), Joaozinho (R), Caetano (R)

SERIE A – PLAY OFF RIMONTA ACQUA E SAPONE, LA SQUADRA DI PEREZ E’ IN SEMIFINALE

L’Acqua&Sapone  sotto 3-0 al PalaFiera riesce a rimontare gli avversari del Pesaro grazie alla mossa di  Tino Perez che mette Coco portiere di movimento.

Partita tirata e piena di insidie da una parte e dall’altra, ma l’equilibrio si spezza dopo 8’ sul diagonale non irresistibile di Revert Cortes da sinistra, Mammarella, complice una deviazione, non riesce a trattenerla prima che entri in porta.Il Pesaro trova il raddoppio con un tiro improvviso di Stringari dopo 14’. Miraglia si salva due volte su De Oliveira e Murilo. Nel secondo tempo prodezza di Marcelinho dopo 3’: missile all’incrocio e tris dei pesaresi. Poi la carta giocata da Mr.Perez fa la differenza. Prima Lukaian apre le marcature abruzzesi, poi De Oliveira accorcia le distanze, infine la rete di Jonas che vale una rimonta completata.Semifinale con il Rieti di Bellarte.

ITALSERVICE PESARO-ACQUA&SAPONE UNIGROSS 3-3 (2-0 p.t.)
ITALSERVICE PESARO: Micoli, Cesaroni, Tonidandel, Stringari, Fortini, Tres, Francini, Curri, Revert, Marcelinho, Miraglia, Guennounna. All. Ramiro

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Lima, Bertoni, Murilo, De Olivera, Quilez, Bordignon, Lukaian, Bocao, Coco Wellington, Jonas, Casassa. All. Tino Perez

MARCATORI: 8’20” p.t. Revert (P), 13’31” Stringari (P), 3’55” s.t. Marcelinho (P), 6’14” Lukaian (A), 8′ De Oliveira (A), 15’01” Jonas (P)

I CAMPIONI D’EUROPA DEL 2003 intervistati alla vigilia di EURO 2018 – EDGAR BERTONI

È stato uno degli eroi che nel 2003 ha vinto con la maglia della nazionale italiana il campionato europeo ad Aversa e Caserta. Era tra i più giovani ed é attualmente tra i più forti giocatori del nostro campionato che ha vinto diverse volte. Ma quella vittoria, sancita in finale contro l’Ucraina,  lo ha fatto entrare di diritto nella storia del futsal. Edgar Bertoni alla vigilia DELL’EURO 2018 torna a parlarci ricordando quei momenti magnifici.

 

Buonasera ad Edgar Bertoni…. Uno degli eroi che nel 2003 ha vinto l’Europeo con la nazionale italiana. Alla vigilia di Euro 2018 puoi dirci se ricordi le sensazioni alla vigilia di quell’Europeo e se eravate consapevoli di poter arrivare fino in fondo?

“Avendo solo 22 anni , ero molto felice in far parte di quello gruppo. Mi ricordo che ero molto concentrato e certamente un po’ teso, che di solito la tensione vieni via subito dopo il fischio di iniziò della prima partita… il gruppo era tanto unito e forte e avevamo anche dei giocatore di grande esperienza e conoscevamo molto bene i nostri limiti ma anche la nostra forza. Una delle cose più importanti è stato giocare in casa…”

Al di là della questione prettamente tecnica quale fu secondo te la chiave che portò quel gruppo alla vittoria?

“La chiave è stata la voglia di vincere, giocando davanti ad un pubblico stupendo, quindi come fai a non avere fame davanti a tutte l’Italia del fusa che faceva il tifo per noi”

La nazionale attuale secondo te fino dove può arrivare in questo europeo?

“La nazionale ha tutto per vincere, devono capire il loro limite e avere fame. Da fuori la sensazione è che il gruppo sembra unito. I giocatori hanno la giusta esperienza per fare bene e sono sicuro che ci riusciranno.”

Oltre alla Spagna che é la favorita numero uno…..quali sono le nazionali che possono sorprendere?

“La Spagna è sempre la grande favorita perché hanno un roster qualitativamente più ampio rispetto  altri Sono una squadra molto forte.

Da tenere d’occhio come al solito ci sono la Russia, il Portogallo e a sorpresa direi anche il Kazakistan”

Quali giocatori della nazionale italiana possono essere rivelazioni in questo europeo?

“Io spero che sia De Oliveira che per me ne ha tutte le possibilità. In generale spero molto nei giovani!”

Per chiudere torniamo a quella finale di Caserta…..ti ricordi la sera prima della finale qualche aneddoto con i tuoi compagni?

“Non me lo ricordo anche perchè  ero molto teso e concentrato. Dopo ricordo una grande festa davanti ad  un pubblico unico…!”

INTERVISTA ESCLUSIVA AL GIOCATORE PIU’ FORTE DEL CAMPIONATO ITALIANO EDGAR BERTONI AI NOSTRI MICROFONI

Ha conquistato il 5 scudetto in Italia, ha vinto all’estero e con la maglia della Nazionale Italiana. Ha vinto ovunque e giocato sempre le finali scudetto. Edgar Bertoni è il giocatore più forte e vincente che ci sia in Italia. Adesso sta per iniziare per lui una nuova sfida, una nuova avventura con la maglia dell’Acqua e Sapone. Lo abbiamo intervistato a pochi giorni dell’inizio del campionato

 

Buongiorno ad Edgard Bertoni tra i giocatori più forti del nostro campionato……inizia per te una nuova avventura…..come mai la scelta dell’Acqua e Sapone, quali sono state le motivazioni di questa scelta?

BERTONI: ” Ho scelto l’Acqua e Sapone perchè da anni ci è stato un avvicinamento e finalmente si è concretizzato, è una società che ha voglia di fare bene e con Mister Ricci c’è un ottimo rapporto e mi piaceva la città…”

A pochi giorni dall’inizio della stagione come sta la squadra a livello fisico e psicologico?

BERTONI: ” Ancora è l’inizio ma stiamo lavorando molto bene fisicamente e tatticamente, siamo pronti per scendere in campo…”

Arriva subito la trasferta di Napoli, che gara vi aspetta contro un avversario forte?

BERTONI: ” A Napoli è sempre dura, hanno cambiato tanti giocatori e quando si cambia così tanto l’inizio è più difficile in teoria, e spero sia così… Ma sappiamo che non sarà facile e sarà una delle concorrenti a vincere tutto, ma siamo umili e andiamo lì pronti a soffrire quello che serve  per portare i tre punti a casa….”

Tu che sei un esperto in finali scudetto…..anche se è presto dirlo….quali sono le squadre favorite per arrivare in fondo?

BERTONI: ” Ti dico che il Campionato italiano è il più difficile che ho giocato in vita mia, e direi che le favorite non ci sono finché non si comincia a dimostrare sul campo, sulla carta sono  Pescara, Luparense, Napoli, Rieti , ribadisco che hanno cambiato tanto e al momento è  difficile dirtelo…

Quali sono i vostri obiettivi ? Ci puoi indicare un giovane promettente che potrebbe mettersi in luce quest’anno?

BERTONI: ” I nostri obiettivi sono quelli di cercare di vincere tutto, la voglia c’è di fare bene ed anche la società…..questo è un punto di forza SPERIAMO.”

Ci puoi indicare un giovane promettente che potrebbe mettersi in luce quest’anno?

BERTONI: ” William Rocha, Giacomo Azzoni e Fortini della Lazio”

BERTONI – ACQUA E SAPONE. IL MATRIMONIO È ANNUNCIATO DAL GIOCATORE

Con queste sue parole sulla propria pagina Facebook EDGAR BERTONI annuncia di essere un nuovo giocatore del ACQUA E SAPONE

“Dopo tanti anni scendo in abruzzo, un sogno che finalmente si diventa realtà… Sono strafelice di accettare questa sfida dove faro del mio meglio per aiutare questa società ambiziosa che ha voglia di vincere, sono sicuro che il grupo si impegnerà al massimo per raggiungere tutti gli obiettive…. Grazie alla Società Acqua e Sapone per la opportunità di poter dimostrare il mio valore… Grazie al Presidente Barbarossa ed al Direttore Gabrielle e alla Penta di Vicenzo Portelli per aver fatto possibile tutto questo… Ci vediamo presto, intanto riposo un po con la mia famiglia in brasile… Presto potro abbracciare ogni uno tifose del L’acqua e Sapone… Edgar Bertoni … Forza L’acqua e Sapone”

EDGAR BERTONI non giocherà con la LUPARENSE la prossima stagione

E’ di pochi minuti fa la notizia che EDGAR BERTONI la prossima stagione non farà parte della LUPARENSE che andrà alla caccia del più importante trofeo europeo.

Queste le parole d’addio (e di amore) del giocatore: “Dopo una lunga riflessione io e la mia famiglia abbiamo concluso che non farò più parte della Luparense…Uno degli addio più difficile della mia carriera…
Ringrazio a tutti dal primo al ultimo, a tutti Bambini del settore giovanile , Torcida, Dirigenza, Custodi, Ragazzi Chica Boom 💥 ed Speciale a Andrea Franceschini che mi ha aiutato molto, un vero amico. É stato un anno speciale per me … Vi saluto e spero non aver lasciato brutti ricordi, ho provato sempre fare del mio meglio sia dentro e fuori dal campo…mi mancherà questo posto….Grazie al presidente Zarattini per tutto, la fiducia ed affetto… vi porterò sempre con me al di là di qualunque cosa…immenso rispetto per questa società e per la città… Bacione grande “

 

 

LUPARENSE NELLA STORIA: E’ SCUDETTO

Luparense nella storia.

Sesto scudetto e record di campionati vinti per la società del presidente Zarattini.

Al PalaPrometeo Estra di Ancona, il Pescara non riesce a pareggiare la serie e perde per 5-4 dopo i rigori.

La luparense passa in vantaggio dopo 5 minuti con la rete di Honorio dopo una splendida serpentina e un destro che finisce sotto le gambe di Capuozzo. Il Pescara reagisce e sfiora il pari con Morgado ma la squadra di mister Marin raddoppia con un contropiede perfetto: Ramon scarica per Taborda che fa passare ancora sotto le gambe di Capuozzo per il 2-0.

Miarelli, superlativo come al solito, devia un tiro libero di Cuzzolino sul palo. La pressione pescarese è alta e il tecnico della Luparese inserisce Foglia come portiere di movimento per abbassare i ritmi, ma la scelta non paga e Chimanguinho accorcia a 30’’ dalla fine del primo tempo.

Il secondo tempo si apre nuovamente con la Luparense sugli scudi. Prima un palo di Bertoni (alla sua ottava finale scudetto consecutiva) e poi un’occasione di Foglia sfiorano il terzo goal dei Lupi.

La Luparense è padrona del campo, ma Capuozzo prima salva su Brandi e poi manda sul palo un tiro di Taborda.

Il Pescara non si arrende e va anche lei più volte vicino al pari. La gara è bellissima ma l’espulsione di Chimanguinho che stende Coco Wellington lanciato in contropiede sposta inesorabilmente l’ago della bilancia.

Nel finale la partita è vibrante, prima con la traversa di Rosa (che gioca come portiere di movimento) e poi con il palo di Foglia per la Luparense.

Al 17°è Rosa che stabilisce la parità con un tiro micidiale dalla distanza che non lascia scampo a Miarelli.

Gli ultimi due minuti sono epici: al 28°’ perché Ramon  segna il gol del 3-2. Ma a 10’’ dalla fine Azzoni fa 3-3, deviando in porta un tiro di Salas.

Si va ai calci di rigore dove sbagliano Salas e Cuzzolino: per la Luparense è il sesto storico scudetto.

 

 

PESCARA-LUPARENSE 4-5 d.t.r. (3-3 al 40′, 1-2 p.t.)

PESCARA: Capuozzo, Duarte, Cuzzolino, Morgado, Chimanguinho, Rosa, Leggiero, Ghiotti, Tenderini, Azzoni, Salas, Pietrangelo. All. Colini

 

LUPARENSE: Miarelli, Taborda, Honorio, Coco, Brandi, Lara, Bertoni, Foglia, Khouc, Moufaddal, Ramon, Morassi. All. Marin

 

MARCATORI: 5’07” p.t. Honorio (L), 16’41” Taborda (L), 19’33” Chimanguinho (P), 17’01” s.t. Rosa (P), 17’29” Ramon (L), 19’50” Azzoni (P)

SCUDETTO AD UN PASSO: La Luparense vince anche gara2

Luparense ad un passo dallo scudetto dopo gara 2 di ieri sera al PalaSind di Bassano del Grappa .

La squadra di Marin, dopo la vittoria in gara-1 ai tiri di rigore, dimostra una netta superiorità e stavolta lo fa nei 40 minuti di gioco.

Stavolta la Luparense batte il Pescara nei 40’, con un netto 5-2.

Le assenze pescaresi pesano ma nella prima parte di gara la squadra di Colini gioca un bel futsal e passa in vantaggio con Rosa, che mette in porta un diagonale dopo un’azione confusa in area. Poco dopo, Chimanguinho sfiora il 2-0, ma il suo pallonetto finisce alto.

La Luparense inizia ad affacciarsi verso la porta di Capuozzo ed è solo il palo che salva il Pescara sul pallonetto di Taborda. Poco dopo è una conclusione di Brandi a sfiorare il goal per la Luparense.

Tra il 13° e il 15° minuto però la svolta della gara prima con la rete di Brandi e poi con  Mancuso che firma il il 2-1.

Nel secondo tempo la gara è molto equilibrata con entrambe le squadre che vanno vicine al goal ma è ancora la Luparense ad andare in rete con Coco Wellington sul quale Capuozzo non può far nulla.

Il Pescara non molla e prima con Duarte (rete annullata giustamente) e poi con Rosa va vicinissima alla rete ma un fantastico Miarelli lascia il risultato invariato.

Gli abruzzesi ricorrono al portiere di movimento con Tenderini, ma Ia squadra di Marin difende benissimo  l’inferiorità numerica  e addirittura calano il poker, con un rinvio di Miarelli, che finisce in porta e fa esplodere il PalaSind.

A nulla serve il 2-4 di Duarte, prima del 5-2 di Mancuso, che chiude il match a 3 secondi dalla fine.

Decisiva potrebbe esser gara 3 per la Luparense che potrebbe chiudere la serie e vincere lo scudetto ma potrebbe essere importantissima anche per il Pescara che vincendo avrebbe le successive due gare da giocare in casa.

Questo il tabellino della gara:

LUPARENSE-PESCARA 5-2 (2-1 p.t.)

LUPARENSE: Miarelli, Taborda, Honorio, Mancuso, Foglia, Coco, Lara, Khouc, Moufaddal, Brandi, Ramon, Morassi. All. Marin (squal., in panchina Lovo)

 

PESCARA: Capuozzo, Duarte, Morgado, Azzoni, Rosa, Cuzzolino, Tenderini, Ghiotti, Salas, Leggiero, Chimanguinho, Pietrangelo. All. Colini (squal., in panchina Forte)

 

MARCATORI: 1’58” p.t. Rosa (P), 13’31” Brandi (L), 15’14” Mancuso (L), 6’42” s.t. Coco (L), 18’25” Miarelli (L), 18’45” Duarte (P), 19’57” Mancuso (L)

SPETTACOLO PLAY OFF: ai quarti solo la LUPARENSE, le altre tutte a gara3

Emozioni a non finire nelle gare di ritorno dei Play off.

Tre gare su quattro dei quarti di finale del campionato di Serie A di calcio a 5 andranno allo spareggio che si giocherà sabato sera.

Su tutte brilla la stella di Piero Basile e la sua Axed Group Latina che al Pala Rigopiano di Pescara batte gli uomini di Colini.

I nerazzurri battono 2-1 i vincitori della regular season, grazie a una splendida prestazione.

Una vittoria che alla vigilia sembrava impossibile e invece i pontini hanno realizzato con pieno merito.

Partita noiosa nel primo tempo data anche dal fatto che il Latina gioca dal primo minuto con il portiere di movimento. Nella ripresa il gioco è più vivace e la gara viene sbloccata da Battistoni, ma dopo un minuto il Pescara trova il pareggio con Morgado. Il giocatore pescarese è croce e delizia della serata perché poco dopo si fa espellere cambiando le sorti del match.

A circa due minuti dal termine infatti il Latina trova il goal del vantaggio su autogoal di Salas che porta la serie a gara 3

Finisce in parità la gara fra Lollo Caffè Napoli e Ma Group Imola.

Partita bellissima e piena di emozioni con il Napoli avanti di due goal nei primi otto minuti di gara con le reti di Crema, De Luca. L’ Imola riesce ad accorciare le distanze con Jelavic, ma la squadra di Cipolla si riporta sul doppio vantaggio con la rete di Fornari che chiude il primo tempo sul 3-1.

Nella ripresa è ancora Fornari ad andare in goal portando i partenopei in vantaggio addirittura di tre goal.

Quando la gara sembrava archiviata gli uomini di Vanni Pedrini invece compievano l’impresa rimontando e passando in vantaggio con le reti di Revert Cortes, Napoletano, Jelavic e Castagna.

Ad un minuto dal termine e a salvare la Lollo Caffè Napoli ci pensa il solito Crema che bissa il  pareggio dell’andata e porta la serie a gara 3.

Vince l’Acqua&Sapone Unigross che batte 2-0 la Cioli Cogianco e porta anche qui la sfida alla gara decisiva. I goal sono stati realizzati da Lima e Jonas nel primo tempo

L’ultima gara invece decreta il passaggio del turno della Luparense che batte il Kaos per 6-4 rischiando un po dopo aver concluso il primo tempo sul 4-1 con reti di Mancuso, Bertoni e Honorio e l’autogoal di Titon alle quali ha risposto solo la rete di Saad. Nella ripresa invece il kaos impensieriva a più riprese la Luparense ma la doppietta di Mancuso (tre reti totali nel match) fermavano le velleità della squadra di Andrejic che era andata a segno con la doppietta di Fernandao e la rete di Ercolessi.

 

Questi i tabellini dei match:

LUPARENSE-KAOS FUTSAL 6-4 (3-1 p.t.)

LUPARENSE: Morassi, Taborda, Honorio, Bertoni, Mancuso, Kovacevic, Tobe, Lara, Coco, Brandi, Khouc, Miarelli. All. Marin

KAOS FUTSAL: Putano, Saad, Tuli, Ercolessi, Fernandao, Nora, Schininà, Titon, Salas, Di Guida, Peric, Timm. All. Andrejic

MARCATORI: 2’14’’ p.t. Mancuso (L), 2’55’’ Saad (K), 13’18’’ Bertoni (L), 18’55’’ aut. Titon (K), 0’57’’ s.t. Honorio (L), 2’28’’ Ercolessi (K), 13’05’’ Fernandao (K), 15’29’’ Mancuso (L), 17’47’’ Fernandao (K), 19’51’’ Mancuso (L)

 

PESCARA-AXED GROUP LATINA 1-2 (0-0 p.t.)

PESCARA: Capuozzo, Salas, Morgado, Rosa, Duarte, Leggiero, Tenderini, Cuzzolino, Azzoni, Borruto, Chimanguinho, Pietrangelo. All. Colini

AXED GROUP LATINA: Chinchio, Corso, Battistoni, Avellino, Maina, Simeone, Di Rita, Pica Pau, Terenzi, Amoedo, Landucci. All. Basile

MARCATORI: 5’21’’ s.t. Battistoni (L), 6’07’’ Morgado (P), 18’16’’ aut. Salas (P)

AMMONITI: Morgado (P)

 

ACQUA&SAPONE UNIGROSS-CIOLI COGIANCO 2-0 (2-0 p.t.)

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Ruiz, Lima, De Oliveira, Jonas, Bordignon, Romano, Rocchigiani, Murilo, Zanella, Lukaian, Casassa. All. Ricci

CIOLI COGIANCO: Molitierno, Fusari, Mazoni, Paulinho, Fits, Ippoliti, Vinicius, Brizzi, Vizonan, Raubo, Pol Pacheco, Basile. All. Juanlu

MARCATORI: 3’04’’ p.t. Lima (A), 13’10’’ rig. Jonas (A)

 

LOLLO CAFFE’ NAPOLI-MA GROUP IMOLA 5-5 (3-1 p.t.)

LOLLO CAFFE’ NAPOLI: Garcia Pereira, Bocao, De Luca, Manfroi, Fornari, Botta, Milucci, De Bail, Andrè, Crema, Molaro, Pasculli. All. Cipolla

MA GROUP IMOLA: Juninho, Jelavic, Revert Cortes, Marcio Borges, Castagna, Matteuzzi, Fabinho, Napoletano, Trerè, Tedesco. All. Pedrini

MARCATORI: 4’04’’ p.t. Crema (N), 8’54’’ De Luca (N), 11’20’’ Jelavic (I), 13’43’’ Fornari (N), 2’39’’ s.t. Fornari (N), 4’33’’ Revert Cortes (I), 6’20’’ Napoletano (I), 16’20’’ Jelavic (I), 18’23’’ Castagna (I), 18’48’’ Crema (N)

IL PESCARA ALZA NUOVAMENTE LA COPPA ITALIA – E’ il quinto trofeo dell’era Colini

Il Pescara conquista la seconda Coppa Italia consecutiva ai rigori, dopo quella dello scorso anno vinta contro l’Asti. Dopo una partita difficilissima, contro una Luparense che era andata in vantaggio e che dopo una rimonta finale da 2-4 a 4-4, ha sfiorato il gol del sorpasso a pochi istanti dalla fine, salvata due volte dalle prodezze di Antonio Capuozzo.

PESCARA-LUPARENSE 7-6 d.t.r.

PESCARA: Capuozzo, Caputo, Canal, Cuzzolino, Azzoni, Pulvirenti, Leggiero, Ghiotti, Salas, Rosa, Morgado, Pietrangelo. All. Colini

LUPARENSE: Morassi, Mancuso, Honorio, Taborda, Bertoni, Khouc, Lara, Foglia, Brandi, Coco, Miarelli, Kovacevic. All. Marin

MARCATORI: 2’33” p.t. Mancuso (L), 11’50” Salas (P), 15’40” Rosa (P), 17’53” Canal (P), 18’17” Taborda (L), 4’56” s.t. Leggiero (P), 11’05” rig. Bertoni (L), 15’17” Coco Wellington (L)

SEQUENZA RIGORI: Foglia (L) gol, Canal (P) gol, Taborda (L) parato, Salas (P) gol, Bertoni (L) gol, Cuzzolino (P) gol

AMMONITI: Salas (P), Cuzzolino (P), Bertoni (L), Ghiotti (P), Caputo (P), Taborda (L)

ESPULSI: all’11’04” s.t. Caputo (P) per somma di ammonizioni

 

Una stupenda finale. La  Luparense  passa  in vantaggio con una grande  giocata di Mancuso, che mette palla sul sinistro e scarica in porta con violenza per l’1-0. I Lupi  sfiorano il 2-0 con la punizione di Coco, ma il Pescara trova il pari con il contropiede messo in porta da SalasMati Rosa raddoppia e fa esplodere i tifosi del Pescara . Canal inventa un capolavoro e porta il Pescara sul 3-1. Passano pochi secondi e Taborda accorcia, calciando da posizione ravvicinata, il primo tempo si chiude 3-2 per gli abruzzesi.

Ad avvio ripresa Leggiero beffa con un tiro  Morassi e fa  4-2. Caputo colpisce con la mano sulla linea, si prende il doppio giallo e il rosso. Bertoni trafigge Pietrangelodal dischetto e fa 3-4. La Luparense prende possesso della metà campo avversaria, con un 5 vs 4 continuo e Coco trova la via giusta  segnando il 4-4. La Luparense chiude in attacco e sfiora il gol del 5-4 con Coco e Foglia, sui quali Capuozzo si supera. I tempi supplementari scorrono senza grandi note e si arriva ai tiri di rigore.  Lorenzo Pietrangelo, sostituisce Capuozzo   parando il rigore di Taborda. Per i biancazzurri segnano Canal, Salas e Cuzzolino, che regala la coppa al Pescara