CASAL TORRACCIA – Lino Di Mariano fa il punto sul momento: “Centri sportivi presi di mira…protocolli Figc non chiari, momento difficile. Il Casal Torraccia dei giovani punta a fare bene ma ci vorrà tempo.”

Con l’arrivo del Nuovo DPCM del 13 ottobre chi meglio di chi gestisce un Centro Sportivo, che è riferimento di diversi quartieri di Roma come il Parco dei Pini può risponderci sulle difficoltà del momento? Allora abbiamo chiesto a Lino Di Mariano quali accorgimenti e conseguenze aspettarci e come si appresta a iniziare una stagione la società CASAL TORRACCIA che è il simbolo del futsal all’interno del circolo.

Buongiorno a Lino Di Mariano responsabile sportivo del centro sportivo Parco dei Pini. Il vostro é sicuramente uno dei centri sportivi più rappresentativi del quadrante est di Roma. Questo nuovo DPCM vi mette per la seconda volta a dura prova. Quali sono gli accorgimenti e le conseguenze a cui dovrete andare incontro e quale il tuo pensiero su questo intervento governativo e che tipo di situazione sta vivendo la vostra associazione sportiva , il Casal Torraccia, e quale é il tuo punto di vista sul protocollo Figc e quanto é possibile secondo te farlo rispettare in un campionato di c1?

DI MARIANO: “Dopo tanti anni di lavoro questo è uno dei momenti più difficili ma con forza e sacrifici cerchiamo di non mollare. Il nuovo decreto non cambia di molto le linee che stiamo attuando dal 25 maggio. È buffo che i protocolli siano mirati quasi sempre allo sport e allo sfavorire l’attività dei centri sportivi in genere, ma ci adeguiamo ed andiamo avanti speranzosi. Sui campionati federali potremmo parlarne per ore ogni volta che si disputa una partita è come una battaglia ,protocolli non chiari e farraginosi situazioni grottesche, dalla presentazione delle liste alla sanificazione degli spogliatoi ,alle partite a porte chiuse figurarsi all’interno di un centro sportivo dove passano decine e decine di persone, con il senno di poi probabilmente sarebbe stato più facile prendere altre decisioni…”

Arriviamo al discorso prettamente sportivo. Sabato scorso debutto stagionale in casa contro una delle squadre più forti del campionato. Casal TORRACCIA privo di alcuni elementi di esperienza e “costretto” a giocare con molti giovani e under. Quale tipo di campionato può fare secondo te questa squadra e quali sono gli obiettivi sia dal punto di vista dei risultati che dal punto di vista della crescita dei ragazzi?

DI MARIANO: “Il debutto di sabato non è stato sicuramente dei migliori se pur contro una buona squadra ben messa in campo e di buone individualità, Siamo entrati in campo senza 6/7 giocatori, praticamente è scesa in campo la nostra Under ma il campionato è lungo siamo sicuri di esserci mossi bene sul mercato e di aver costruito una squadra competitiva. Non ci poniamo limiti, il nostro obiettivo è sempre lo stesso… far bene, portare in alto il nome del Casal Torraccia e del Parco Dei Pini facendo crescere il più possibile il nostro settore giovanile”

Fra due giorni trasferta al palacesaroni contro il GENZANO…come ci arriva la squadra dal punto di vista psicologico e che tipo di gara servirà per tornare a Roma con un risultato positivo?

DI MARIANO: “Sabato a Genzano sarà difficile, è sempre stato un campo ostico per i nostri colori ma questo deve darci ancora di più la carica ,rientrerà qualche giocatore senior a darci una mano. Dal punto di vista psicologico non siamo nelle migliori condizioni.. 13 goal presi alla prima in casa non sono facili da digerire… 3 infortuni gravi nell’ultima settimana possono metterti in ginocchio ma la differenza in questi momenti la fa il carattere.Vediamo di che pasta sono fatti i nostri giovani .Sicuri che qualsiasi sia il risultato la nostra è una strada a lungo termine dove il conto verrà tirato ad aprile…..l’obiettivo come lo scorso anno è quello dei play-off.”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *