UMBRIA C1 – Nel turno di riposo della capolista risponde presente il CITTA’ DI ORTE. Vittorie importanti per CANNARA e CLT. Pari tra MONTELEONE e GRIFONI. Tre punti in chiave salvezza per MIRIANO E PONTE SAN LORENZO

Con la capolista ferma per il proprio turno di riposo il Città di Orte di Russo vince contro il Norcia per 8-3 confermando la propria grandezza e centrando la diciassettesima vittoria…Vince ancora il Real Cannara sempre più terzo in classifica superando l’Orvieto Fc. Rinviata Burano – Tacito Terni. Vittorie in chiave salvezza molto importanti per il Miriano in trasferta contro il Real Nocera e del Ponte San Lorenzo che supera in casa l’Assisi. Pari che non rende felice nessuno tra Monteleone e Grifoni. La squadra di Garilli perde due punti sulla corsa all’ultimo posto utile per evitare i play out. Quella di Picchietti invece lo fa sulla corsa play off. Clt che con la tripletta di Polito e le reti di Testa e Martini supera il Calvi e mantiene la quinta posizione.

Risultati 23°Giornata

Real CannaraOrvieto Fc6 – 3
Circolo Lavoratori TerniCalvi Academy5 – 1
MonteleoneGrifoni5 – 5
Ponte San LorenzoAssisi Subasio4 – 3
Real NoceraMiriano2 – 7
Città di OrteCittà di Norcia8 – 3
Gubbio BuranoLibertas Tacito TerniRINVIATA
RiposaCts Grafica

Classifica

SquadraPuntiGare Giocate
CTS GRAFICA5721
CITTA’ DI ORTE5422
REAL CANNARA3821
GUBBIO BURANO3620
CIRCOLO LAVORATORI TERNI3622
GRIFONI3322
CALVI ACADEMY3121
ASSISI SUBASIO2921
CITTA’ DI NORCIA2721
MIRIANO2522
PONTE SAN LORENZO2422
ORVIETO FC2122
MONTELEONE2021
LIBERTAS TACITO TERNI1421
REAL NOCERA721

Prossimo Turno

ASSISI SUBASIOCITTA’ DI ORTE
CALVI ACADEMYPONTE SAN LORENZO
CITTA’ DI NORCIAMONTELEONE
CTS GRAFICACLT
GRIFONIREAL CANNARA
LIBERTAS TACITO TERNIREAL NOCERA
ORVIETO FCGUBBIO BURANO
RiposaMIRIANO

Il prossimo fine settimana presenta gare interessanti sia per la lotta alle prime posizioni sia per la lotta a non retrocedere. Scontro diretto in chiave salvezza e ultima chiamata nel duello diretto tra Tacito Terni e Real Nocera.…chi stecca è ad un passo dalla C2. La Cts Grafica ospita il Clt di Silvi che in questo momento è tra le squadre più in forma del campionato. I ragazzi di Mr.Bartocci vogliono continuare a mantenere le giuste distanza con la seconda, l’Orte che sarà ospite dell’Assisi. Calvi Academy – Ponte San Lorenzo si sfideranno per conquistare una vittoria che regalerebbe punti per stare tranquilli. A Norcia arriva il Monteleone che deve continuare a fare risultati importanti per evitare almeno di giocare un eventuale play out lontano da casa. Riposa il Miriano. Ad Orvieto di scena Orvieto Fc – Gubbio Burano…. Alla squadra di Seghetta serve vincere per continuare a credere nella salvezza diretta. A quella di Fumanti serve una vittoria per inseguire il terzo posto.

SPORTING HORNETS – Giacomo Carello ha grande fiducia: “In questo momento possiamo fare risultato con chiunque”

C’è grande fiducia nelle parole che abbiamo raccolto di Giacomo Carello, uno degli uomini storici del Hornets. A sei giornate dalla fine arriva il Cortina, squadra già battuta all’andata per un vero scontro salvezza. Gli avversari sono a + 5 grazie anche alla vitoria ottenuta sabato scorso ma Carello è sicuro che la squadra di Mr.Fiori ha tutte le carte in regola per poter vincere la prima di sei finali.

Mister buongiorno…. perdonami l’orario ti giro 3 domande per fare l’articolo. Archiviata la sconfitta con il Real Ciampino arriva da voi il Cortina in un vero e proprio spareggio salvezza. La squadra di Roma Nord ha 5 punti di vantaggio e un eventuale sconfitta da parte vostra comprometterebbe quasi tutto quello fatto di buono nelle ultime giornate….come ci arriva la squadra e cosa pensa che sia necessario per ottenere una vittoria?

CARELLO: “Anche a Ciampino, al di là del risultato finale sicuramente troppo penalizzante, la squadra, seppur falcidiata da assenze importanti, ha disputato una buona gara. Specie il primo tempo si sono visti gli evidenti progressi in termini di gioco. Si è pagato un conto salato alla giovanissima età dei ragazzi presenti sabato, basti pensare che due dei primi tre gol sono stati presi da calci piazzati battuti dal Ciampino velocemente… Con il Cortina rientrano, tra gli altri, Battistacci e Vanni che possono darci quel pizzico di malizia e di esperienza che alla fine è importante in determinate partite.”

Sei giornate alla fine del campionato…. l’obiettivo oggi è quello di assicurarsi i play out o crede in un Rush finale dei suoi per poter salvarsi direttamente in considerazione anche degli scontri con Parioli e Cisterna?

CARELLO: “Nelle ultime giornate abbiamo perso di misura (e solo nel finale di gara) contro Fidoni, Nordovest, Procalcio e vinto scontri diretti con Fenice e Cccp. La squadra è compatta e ha dimostrato di poter fare punti anche inaspettati. Quindi non ritengo che sia utile porsi degli obiettivi. Vediamo che succede. In questo momento chi va a vedere il sabato gli Hornets può aspettarsi qualsiasi risultato.”

Al di là dell’esito finale della stagione in corso sia il presidente De Santis che il vice Rapaná hanno lasciato dichiarazioni confortanti sul futuro con l’eventuale possibilità di un settore giovanile. Nel prossimo futuro Carello sarà ancora giallonero e può confermarci queste volontà positive della società?

CARELLO: “Quest’anno avevo deciso di fermarmi con la prima squadra e di seguire l’under 21. Vorrei complimentarmi con i ragazzi perché siamo in piena corsa play off. Non nego che dopo la promozione in c2 e in c1 mi piacerebbe tantissimo disputare il primo play off under21 della storia Hornets. L’ottimo percorso dell’under 21 dimostra fattivamente la svolta Societaria nel puntare sui giovani. Domenica abbiamo vinto in rimonta a Castel Fontana e molti dei ragazzi avevano giocato la sera prima a Ciampino. Per portare a casa il risultato hanno dimostrato tanto sacrificio e spirito di abnegazione. Per quanto mi riguarda… ho iniziato ad allenare dalla fondazione di questa società nel 2012, per me è una seconda famiglia e sarò Hornets per sempre anche se dovessi cambiare squadra. Adesso è importante restare focalizzati sulla corsa salvezza per la prima squadra e quella play off per l’under 21.”

GAP -Terza vittoria nelle ultime quattro gare. DAMIANO LONGO: “Con il lavoro stiamo maturando…non falliremo l’obiettivo!Meritiamo rispetto”

La terza vittoria nelle ultime quattro gare permette alla squadra di Pomposelli di poter lavorare ai prossimi incontri con la serenità giusta per continuare a fare punti per centrare la salvezza. Prossimo impegno la Lositana che in casa è un temibile avversario. Bomber Longo ci ha parlato della vittoria contro i rivali del Bracelli e dei prossimi avversari.


Buongiorno Damiano vittoria importante contro una diretta concorrente. Vittoria di misura che gara è stata?

LONGO: “Buongiorno a te, la gara di sabato per noi è stata molto importante servivano i tre punti e sono arrivati, avevamo chiuso il il primo tempo sul 3-0 poi nel secondo tempo gli svariati errori arbitrali stavano per condizionare la partita, evidentemente la GAP non sta simpatica a nessuno però un po’ di rispetto lo merita visto i sacrifici che si fanno per portare avanti una stagione, basta parlare di arbitri altrimenti starei qui a scrivere per ore.”

Prossima gara contro la Lositana che dopo un periodo nero si sta riprendendo e comunque ha 4 punti più di voi. Che gara dovete fare x ottenere una vittoria che sarebbe fondamentale?

LONGO: “Affronteremo la Lositana ad armi pari e a viso aperto sappiamo benissimo che per noi ogni punto messo in cassaforte ci avvicina sempre di più alla salvezza quindi per noi ogni partita è una finale”

Terza vittoria nelle ultime quattro gare…al di là del fattore campo cosa pensi sia cambiato rispetto ad un mese fa?

LONGO: “Non è cambiato nulla e il lavoro che fa maturare e crescere una squadra e i risultati si vedono e quindi posso dire che siamo una squadra matura e non “marcia” come in tanti ci vorrebbero definire!!”

ITALIA UNDER 19 – In attesa del secondo match oggi con la Serbia, intervista a DARIO FILIPPONI,assente per infortunio: “Questo azzurro è un grande gruppo. Arriveremo pronti al main round.”

Dopo la sconfitta di ieri rimediata dalla Nazionale Under 19 di Tarantino nella prima delle due gare amichevoli contro la Serbia (oggi la seconda) abbiamo scambiato quattro chiacchiere con uno dei nostri azzurri più rappresentativi Dario Filipponi, assente in questo doppio confronto, per un infortunio rimediato proprio nello stage che ha preceduto queste gare. Classe 2000….universale, è ha detta di tutti tra i talenti più cristallini della giovane Italia, conta già un campionato di B vinto e molte presenze in A2. Ha indossato anche la fascia da capitano di questa nazionale con la quale conta 18 presenze e 5 goal.

Buongiorno Dario, i compagni della spedizione azzurra sono impegnati nella doppia amichevole in Serbia….tu causa infortunio sei fermo.Come sono le tue condizioni e cosa pensi di questo gruppo che conosci molto bene?

FILIPPONI: “Sto decisamente meglio…in questi giorni tolgo il tutore e potrò riniziare a correre e riprendere la condizione fisica, perchè sono più di 30 giorni che sto lontano dai campi di gioco. L’infortunio alla clavicola è un po complicato quindi dovrò aspettare per giocare almeno una ventina di giorni ancora. Il mio obiettivo è di tornare in vista delle qualificazioni in Croazia. Ieri i ragazzi hanno perso 3 – 1 contro la Serbia….una squadra che specula sull’errore….forte fisicamente e ben organizzata tatticamente. Non sono riuscito a vedere la squadra perchè non c’era la possibilità. Erano assenti oltre a me anche il Capitano Lo Cicero e Francesco Coppe, ci sono molti innesti, ma sono sicuro che i ragazzi ce la metteranno tutta stasera per rifarsi del risultato di ieri. Siamo un gruppo che si sta amalgamando ma è un gruppo importante secondo me….ogni volta che ci vediamo facciamo meglio e stiamo prendendo continuità. Nelle ultime uscite abbiamo fatto un passo falso in Ucraina, abbiamo battuto la Bosnia, avevamo già battuto la Serbia, la Slovenia, la Slovacchia. Sono certo che arriveremo al main round preparati.”

Per arrivare a giocarti gli Europei di settembre in Lettonia bisogna non fallire il main round in Croazia con i padroni di casa, l’Inghilterra e la Slovacchia……quali sono le tue sensazioni e pensi che questo gruppo abbia le possibilità per far bene a Marzo in Croazia e strappare il pass per l’Europeo?

FILIPPONI: “Vorrei arrivarci più preparato possibile, non ci voleva l’infortunio ma sono sicuro che arriverò in condizione. Sarà un esperienza unica….un palcoscenico importante per il mio futuro, una rampa di lancio. Sarà molto emozionante. Speriamo di arrivarci col piglio giusto. Siamo una squadra che è cresciuta insieme, ci conosciamo da molto tempo….giochiamo insieme da molti anni e si è creato anche un legame importante al di la dei rapporti tra giocatori. E’ un gruppo su cui punto molto. E’ un onore essere vice capitano di questa squadra a cui faccio un grande in bocca al lupo per stasera perchè sono convinto che ovunque andrà onorerà questa maglia. Ogni volta che indosso questa maglietta è un onore e piano piano sto accumulando un po’ di esperienza.”

Puoi trarre un bilancio della tua stagione e del tuo club di appartenenza la Virtus Aniene 3Z?

FILIPPONI: “Per quanto riguarda la mia stagione in maglia gialloblu, in questi giorni ho avuto il tempo di trarre un bilancio. E non è un bilancio ne positivo ne negativo…..non è facile giocare in una categoria cosi alta con giocatori cosi bravi. I cambi di panchine con tre allenatori diversi non ci hanno aiutato a trovare continuità. Personalmente ero partito molto bene con il piglio giusto, avevo continuità, fisicità. Poi appena c’è stato qualche problemino fisico è arrivato il mercato di dicembre e si è deciso di far arrivare altri giocatori più pronti. Gli obiettivi della società sono elevati quindi non è facile trovare tanto spazio. Mi dispiace in questo momento non dare una mano alla squadra. E’ una squadra molto forte la nostra…e io nonostante questo infortunio mi sento in grande crescita. Spero nei play off…secondo me possiamo arrivare lontano. Anche se non si riesce a trovare molto spazio per giocare, comunque allenarsi con questi giocatori cosi forti è sempre una crescita. Inoltre con il gruppo della 19 nonostante anche la abbiamo avuto molti infortuni il bilancio è positivo perchè siamo un bellissimo gruppo e stiamo facendo molto bene.”

REAL CEFALU’ – Parla Dario Lopez: “Le difficoltà ci esaltano. Saremo protagonisti fino all’ultima giornata!”

Lo spagnolo Dario Lopez, uno dei protagonisti di questa meravigliosa stagione del Real Cefalù, ci ha parlato delle ultime due trasferte toscane e di Ciampino che affronterà con i suoi compagni questo sabato alle 15:00 al palaTricoli.

Dopo due weekend di pausa e due trasferte si torna a giocare al palaTricoli. In arrivo il Ciampino Anni Nuovi che ha subito cambiato marcia dopo il cambio in panchina. Che partita sarà?
“Non sarà una gara da sottovalutare, sono abili a mettere in difficoltà tutti. Sarà una partita aperta dove i dettagli faranno la differenza. Arriviamo a questo appuntamento con la convinzione di poterci giocare le nostre carte e portare a casa un risultato positivo”.

Dicevamo di due trasferte entrambe in terra Toscana contro Prato e Grosseto, due partite sofferte dove è capitato di tutto. Match che hanno forgiato ancora di più il carattere della squadra. Quanto possono aiutare in vista del rush finale del campionato?
“Si è vero, nelle ultime gare ci è successo di tutto. Questo ci ha forgiati ancora di più, ci ha esaltato e ha aumentato la voglia di sacrificarci per questa maglia. Tutto questo rende il nostro gruppo unico! Siamo pronti a giocarci le ultime gare della stagione con la consapevolezza che il Real Cefalù è e sarà protagonista in questo girone B”.

Giacomo Lombardo
Addetto stampa
A.S.D. Pol. Real Cefalù Uniolympo

ITALIA UNDER 19 – Il primo test amichevole va alla serbia

La nazionale italiana Under 19 di futsal tiene testa alla Serbia, ma deve inchinarsi agli avversari nella prima delle due amichevoli tra le due nazionali. Al Palazzetto dello Sport di Obrenovac, nel penultimo appuntamento per gli Azzurrini prima del Main Round di qualificazione all’Europeo che si giocherà il prossimo mese in Croazia, i ragazzi di Carmine Tarantino sono sconfitti 3-1, malgrado il gol di Joao a cinque minuti dalla fine che aveva riaperto la sfida. Domanimercoledì, si replica con gara-2 a Ub, sempre con inizio alle ore 18.

Tarantino parte con un quartetto di movimento formato da Pettinari – questa sera capitano – Peroni, Giulii Capponi e Rivella; in porta c’è Fior dell’AcquaeSapone. La prima chance è per gli Azzurrini, Simone Achilli supera il portiere avversario con un “sombrero” ma non riesce a inquadrare lo specchio della porta. Pochi istanti dopo Fior fa buona guardia sul bolide dalla distanza di Jovica Petrović.

L’Italia insiste, ancora Achilli riceve da Riccardo Ciciotti e va alla conclusione, ma trova pronto Vladan Koljajić. Al minuto 15’25’’, tuttavia, sono i padroni di casa a sbloccare il risultato: la rete porta la firma di David Miković, che capitalizza al meglio un pallone recuperato dai suoi compagni. Alessandro Fior non riesce a trattenere il tiro del numero 10 avversario. La nazionale di Tarantino potrebbe andare al riposo sul pareggio, ma solo davanti all’estremo difensore avversario Federico Palmegiani viene “murato”.

Nella ripresa calcia a lato Christian Peroni, stesso destino dall’altra parte per la sortita di Zoran Ardeljan. Al 7’, però, la squadra di Vladimir Jovanović trova il raddoppio con Nikola Milašinović, sugli sviluppi di un’azione da rimessa laterale. Il portiere della Serbia si salva su un altro bolide dell’indomabile Achilli, poi i padroni di casa restano in inferiorità numerica per l’espulsione di Miković, punito con due gialli in meno di cinque minuti.

L’Italia riesce a far fruttare l’uomo in più e trova il gol che dimezza lo svantaggio – e la riporta in partita – con Joao: restano da giocare cinque minuti. La Serbia colpisce una traversa con Lazar Marinković, poi a 1’21’’ dalla sirena trova il gol che chiude la partita. A realizzarlo è proprio Marinković, dopo una palla rubata ai 10 metri. Finisce 3-1.


SERBIA-ITALIA 3-1 (1-0 p.t.)
SERBIA: Koljajić, J.Urošević, Rosić, Milašinović, Miković, Dimitrijević, Tadić, M.Urošević, Marinković, Petrović, Ardeljan, Mandić, Stojanović, Milanović. All. Jovanović

ITALIA: Fior, Pettinari, Peroni, Giulii Capponi, Rivella, Ciciotti, Joao, Zaccardi, Nasta, Achilli, Ettorre, Palmegiani, Podda, Ciarrocchi. All. Tarantino

MARCATORI: 15’25’’ p.t. Miković (S), 6’58’’ s.t. Milašinović (S), 14’48’’ Joao (I), 18’39’’ Marinković (S)

AMMONITI: Rosić (S), Miković (S)

ESPULSI: al 13’10’’ del s.t. Miković per somma di ammonizioni

ARBITRI: Petar Radojčić (Serbia), Nikola Aleksić (Serbia) CRONO: Nikola Rabrenović (Serbia)

La Lositana è un osso… Duro: “Passione e voglia”

La vittoria contro L’Airone ha riportato la Lositana al successo. La formazione di Marco Apicella ha superato in trasferta i rossoneri con le reti di Andrea Barba e le doppiette di capitan Luca Losito e Alessio Duro. Proprio quest’ultimo, tornato in campo dopo molti mesi di assenza, ha ritrovato anche la gioia del gol. Due reti importanti per chiudere la partita e regalare agli orange tre punti importantissimi. “E’ stata una gara complicata – spiega Duro – su un campo sempre difficile. Tutto è andato per il meglio. Il merito della vittoria è solo nostro e se avessimo avuto lo stesso approccio anche nelle altre partite avremmo sicuramente ottenuto più risultati positivi. In passato ci è mancata un pizzico di attenzione e compattezza in campo”. Nel prossimo turno gli orange ospiteranno il Gap per un altro match tutto da vivere: “Ci aspetta un’altra partita molto difficile. Il nostro obiettivo è quello di vincere e di ottenere un altro successo”.

Ritorno Alessio Duro è un veterano dei campi della nostra regione. Nel corso della sua lunga carriera, anche a livello nazionale, ha ottenuto numerosi successi segnando sempre  molti gol indossando alcune delle maglie più blasonate del calcio a 5. Per questo motivo il suo ritorno in campo rappresenta un evento molto importante non solo per la Lositana: “E’ stata dura rimanere lontano per tutto questo tempo, ma per problemi lavorativi mi era impossibile dare continuità negli allenamenti e nelle partite. Sono tornato per il bene ed il legame che ho con questa squadra e questi ragazzi e per la grande voglia di giocare. La volontà di aiutare la Lositana è stata determinante per rimettermi gli scarpini. La forma migliore, naturalmente, è ancora lontana, ma l’inserimento è stato facile grazie ai miei compagni”. Dopo un paio di partite, Alessio Duro ha subito lasciato la sua firma, due gol che hanno indirizzato la gara verso il team di Apicella: “La doppietta è frutto della passione che ho per questo sport – conclude il laterale orange – e della voglia di mettermi sempre in discussione, anche a 40 anni. Un aspetto che, purtroppo, vedo sempre meno nei ragazzi che si approcciano ora a questo sport”. Bentornato Alessio!

Ufficio Stampa ASD Lositana

RHIBO FOSSANO – Bosio dopo la vittoria con l’Aosta: “Gara superlativa…con l’Elledi un derby difficile”

Mister Bosio, bella vittoria contro Aosta, cosa gli e piaciuto di più della sua squadra?

BOSIO: “Grazie…..i ragazzi sono stati superlativi soprattutto nella prima parte di partita, abbiamo lavorato bene in settimana….a dirla tutta mi è piaciuta sempre la squadra, sia nei minuti iniziali dove abbiamo imposto il nostro gioco, sia nella seconda parte di gara, nonostante il gol subito, abbiamo reagito con caparbietà. Quindi tutto molto positivo.”

Dopo questa vittoria, l’obiettivo rimane quello di una salvezza tranquilla o di una speranza play off?

BOSIO: “Non abbiamo un vero proprio obiettivo, prima si parlava di una salvezza tranquilla ora si parla di play-off. In realtà io non penso né a uno né l’altro, voglio che la squadra lavori partita dopo partita senza obiettivi, se non quello di portare il massimo risultato in palio a casa. Fortunatamente, alle spalle, non abbiamo una società che ci crea grossa pressione, di conseguenza si lavora con la massima serenità.”

Dopo questa vittoria, l’obbiettivo rimane quello di una salvezza tranquilla o di una speranza play off?

Non abbiamo un vero proprio obiettivo, prima si parlava di una salvezza tranquilla ora si parla di play-off. In realtà io non penso né a uno né l’altro, voglio che la squadra lavori partita dopo partita senza obiettivi, se non quello di portare il massimo risultato in palio a casa. Fortunatamente, alle spalle, non abbiamo una società che ci crea grossa pressione, di conseguenza si lavora con la massima serenità.

Il prossimo turno, vi aspetta una partita, non facile, in trasferta contro Elledi Carmagnola, come affrontere la partita?

Sì Venerdì, ci aspetta una partita difficile un Derby contro una squadra bene allenata con elementi di valore, dove il mister ha già una grossa esperienza. Quindi dobbiamo fare molta attenzione e non abbassare la guardia in nessuna zona del campo e in nessun momento. Anzi dobbiamo mantenere l’attenzione sempre alta e giocare a viso aperto per dare miglior spettacolo possibile

Simone Politano

Il prossimo turno, vi aspetta una partita, non facile, in trasferta contro Elledi Carmagnola, come affrontere la partita?

BOSIO: “Sì Venerdì, ci aspetta una partita difficile un Derby contro una squadra bene allenata con elementi di valore, dove il mister ha già una grossa esperienza. Quindi dobbiamo fare molta attenzione e non abbassare la guardia in nessuna zona del campo e in nessun momento. Anzi dobbiamo mantenere l’attenzione sempre alta e giocare a viso aperto per dare miglior spettacolo possibile.”

Simone Politano

MARITIME – Accettate le dimissioni di Polido, squadra a EVERTON BATATA

Il Maritime Futsal Augusta comunica di aver ricevuto e accolto le dimissioni di coach Tiago Polido rassegnate domenica sera, dopo 24 ore di riflessione, a seguito della sconfitta contro il Civitella.

Il Maritime Futsal Augusta ringrazia il tecnico portoghese per il lavoro svolto fin qui e gli augura il miglior prosieguo di carriera. La prima squadra è affidata, sino a fine stagione, a coach Everton Batata.

ITALIA UNDER 19 – Domani la prima delle due gare amichevoli con la Serbia

La Nazionale Under 19 di futsal è in Serbia, dove affronterà due amichevoli di livello per mettere a punto gli ultimi meccanismi in vista dell’impegno più importante di questi primi mesi del 2019: la qualificazione al primo Europeo di categoria. Per staccare il pass per la Lettonia (gli Europei a Riga dall’8 al 14 settembre 2019), gli Azzurrini se la vedranno con la Croazia, Paese ospitante, la Slovacchia e l’Inghilterra. Prima però c’è il doppio confronto con la Serbia: oggi pomeriggio l’ultima sgambata per prendere confidenza con il campo. Si gioca domani a Obrenovic alle ore 18, stesso orario della seconda sfida in programma mercoledì ad Ub.

 I CONVOCATI – Portieri: Massimiliano Ciarrocchi (Carbognano), Alessandro Fior (AcquaeSapone Unigross), Lorenzo Manservigi (Maritime Augusta). Giocatori di movimento: Simone Achilli (Olimpus Roma), Riccardo Ciciotti (Virtus Aniene 3Z), Luca Ettorre (Sandro Abate), Valerio Giulii Capponi (Lazio), De Barros Freire Joao Victor (Meta Catania Bricocity), Pasquale Nasta (Sandro Abate), Federico Palmegiani (Lynx Latina), Christian Peroni (Cioli Ariccia Valmontone), Enrico Pettinari (Aosta), Michele Podda (Leonardo), Kevin Rivella (Orange Futsal), Roberto Zaccardi (Virtus Aniene 3Z). Staff – Tecnico Federale: Carmine Tarantino; Segretario: Fabrizio Del Principe; Assistente allenatore: Mauro Ceteroni; Collaboratore Tecnico: Gianluca Briotti; Preparatore dei Portieri: Riccardo Budoni; Video analyst: Riccardo Manno; Medico Federale: Andrea Gattelli; Fisioterapista Federale: Claudio Princiotta. 

Ufficio stampa FIGC