I CAMPIONI D’EUROPA DEL 2003 intervistati alla vigilia di EURO 2018 – EDGAR BERTONI

È stato uno degli eroi che nel 2003 ha vinto con la maglia della nazionale italiana il campionato europeo ad Aversa e Caserta. Era tra i più giovani ed é attualmente tra i più forti giocatori del nostro campionato che ha vinto diverse volte. Ma quella vittoria, sancita in finale contro l’Ucraina,  lo ha fatto entrare di diritto nella storia del futsal. Edgar Bertoni alla vigilia DELL’EURO 2018 torna a parlarci ricordando quei momenti magnifici.

 

Buonasera ad Edgar Bertoni…. Uno degli eroi che nel 2003 ha vinto l’Europeo con la nazionale italiana. Alla vigilia di Euro 2018 puoi dirci se ricordi le sensazioni alla vigilia di quell’Europeo e se eravate consapevoli di poter arrivare fino in fondo?

“Avendo solo 22 anni , ero molto felice in far parte di quello gruppo. Mi ricordo che ero molto concentrato e certamente un po’ teso, che di solito la tensione vieni via subito dopo il fischio di iniziò della prima partita… il gruppo era tanto unito e forte e avevamo anche dei giocatore di grande esperienza e conoscevamo molto bene i nostri limiti ma anche la nostra forza. Una delle cose più importanti è stato giocare in casa…”

Al di là della questione prettamente tecnica quale fu secondo te la chiave che portò quel gruppo alla vittoria?

“La chiave è stata la voglia di vincere, giocando davanti ad un pubblico stupendo, quindi come fai a non avere fame davanti a tutte l’Italia del fusa che faceva il tifo per noi”

La nazionale attuale secondo te fino dove può arrivare in questo europeo?

“La nazionale ha tutto per vincere, devono capire il loro limite e avere fame. Da fuori la sensazione è che il gruppo sembra unito. I giocatori hanno la giusta esperienza per fare bene e sono sicuro che ci riusciranno.”

Oltre alla Spagna che é la favorita numero uno…..quali sono le nazionali che possono sorprendere?

“La Spagna è sempre la grande favorita perché hanno un roster qualitativamente più ampio rispetto  altri Sono una squadra molto forte.

Da tenere d’occhio come al solito ci sono la Russia, il Portogallo e a sorpresa direi anche il Kazakistan”

Quali giocatori della nazionale italiana possono essere rivelazioni in questo europeo?

“Io spero che sia De Oliveira che per me ne ha tutte le possibilità. In generale spero molto nei giovani!”

Per chiudere torniamo a quella finale di Caserta…..ti ricordi la sera prima della finale qualche aneddoto con i tuoi compagni?

“Non me lo ricordo anche perchè  ero molto teso e concentrato. Dopo ricordo una grande festa davanti ad  un pubblico unico…!”

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *